Home Politica La vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda, perchè avremmo bisogno tutti di una premier come lei
La vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda, perchè avremmo bisogno tutti di una premier come lei

La vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda, perchè avremmo bisogno tutti di una premier come lei

0
0

Jacinda Ardern è la donna della settimana. L’hanno decretato i media mondiali. E anche i social. È come se tutti (o quasi) i Paesi del mondo invidiassero la Nuova Zelanda. Che ha conquistato l’attenzione mondiale per il massacro nelle moschee di Christchurch. E l’ha mantenuta grazie a lei. Jacinda Ardern. La sua premier/primo ministro.

“I veri leader esistono” ha titolato l’inglese Guardian. I primi a usare questa definizione erano stati i membri di un’associazione umanitaria neozelandese. Loro JA la conoscono bene. A noi è arrivata perché Enrico Franceschini, su Repubblica, ce l’ha ricordato.

Storica la vittoria di Jacinda Ardern, la premier “gentile”, confermata alla guida della Nuova Zelanda per un secondo mandato.

Per la Ardern e il partito laburista si è concretizzata una splendida vittoria elettorale alle ultime consultazioni politiche: il Labour ha infatti ottenuto oltre il 49% dei voti contro il 27% del National Party guidato dalla thatcheriana Judith Collins e si avvia a diventare il primo partito in cinquant’anni a formare un governo da solo, un’impresa che la premier non era riuscita a realizzare tre anni fa.

“Grazie, non daremo mai per scontato il vostro supporto”, ha detto la Ardern, 40 anni, sposata con il conduttore tv Clarke Gayford e mamma di una bimba, Neve, rivolgendosi ai suo sostenitori ad Auckland.

“Dopo questo risultato, abbiamo il mandato di accelerare la tra risposta e la ripresa, e inizieremo domani”. ha aggiunto, precisando che la priorità del suo secondo mandato sarà, oltre alla lotta contro la pandemia di coronavirus, l’accelerazione delle riforme sociali e ambientali nel Paese.

(amica.it/ (Unioneonline/l.f.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *