Home Politica La sinistra riformista a Viterbo va rifatta da capo
La sinistra riformista a Viterbo va rifatta da capo

La sinistra riformista a Viterbo va rifatta da capo

241
0

La sconfitta pesantissima della sinistra pd (cosiddetta) riformista democratica conferma chiaramente quanto cittapaese.it va scrivendo da tempo: la sinistra e il csx viterbese in realtà non esistono in quanto tali, ma in quanto a gruppi di potere a se stanti, lontanissimi dal territorio e da ogni tipo di possibile “base”. La stessa netta sconfitta ottenuta dal pd e dal suo campo rivelatasi poi stretto, in quartieri come Pilastro, Centro Storico fa capire chiaramente l’appeal interclassista come fosse totalmente appannaggio della Frontini.

A parte il peso clientelare, patti trasversali con la destra, il pd come partito, in quanto anche dimezzato e senza la presenza dei cattolici democratici,  non esiste: è esistito solo un martellamento elettorale su fondi e pnnr di derivazione regionale che è diventato l’unico valore dei post diessini viterbesi.

Essendo aumentati gli astensionisti in maniera notevole, ed essendo il popolo di sinistra libero e pensante senza punti di riferimento, è urgente che, per il pluralismo della politica in città, si facciano avanti forze interessate a ricreare un centrosinistra locale credibile e con contenuti e valori che non siano solo interessi personali o di “famiglia”.

Il campo riformista va  completamente rifatto, da capo.

(241)