Home Politica La Buona Lega: “Durigon, Ubertini, quale coerenza?”
La Buona Lega: “Durigon, Ubertini, quale coerenza?”

La Buona Lega: “Durigon, Ubertini, quale coerenza?”

202
0

L’On. Claudio Durigon (nella foto) ed il Candidato Sindaco della Lega Claudio Ubertini danno una “Lectio Magistralis” sul tema uso ed abuso della Coerenza in politica. Una rappresentazione “alta” ed esaustiva. Noi de La Buona Lega prendiamo atto di tutto ciò ed umilmente chiediamo al signor  Onorevole Claudio Durigon ed al Candidato Sindaco della Lega Viterbo Claudio Ubertini dove era la loro “coerenza” quando veniva proposto “Voce al Territorio’ ed invece con un comunicato si leggeva “La Lega ha deciso dalla prossima settimana di potenziare la presenza sul Territorio vagliando tutte le richieste di ingresso dei Cittadini che erano rimaste in stand by negli ultimi tempi”. Dove era la loro coerenza quando si affermava, con forza, con un comunicato stampa il 30/12/2021, dai vertici provinciali Lega Viterbo,  “Non esistono le condizioni, per la Lega, di ripresentarsi alle prossime elezioni insieme a Forza Italia”. IL 31/12/2021 sempre a mezzo stampa, “La Lega, mai più con Forza Italia. Ha bloccato molte delle nostre iniziative mandando in soffitta il Patto di cambiamento firmato nel 2018. Tre anni e mezzo di litigi e gelosie, vinceremo senza di loro”.  Dove è la loro coerenza quando, sfiduciando la Giunta Arena per non essere stati messi in grado di lavorare per il Territorio, ora dichiarano di aver presentato nella precedente Amministrazione “tanti progetti grazie ai quali stanno arrivando milioni di euro”. Dove era la loro “coerenza” quando è stato appoggiato il candidato Sindaco di FDi a Civita Castellana dopo la caduta, per mano amica, del primo sindaco Leghista a Civita Castellana. Dove era l’On. Durigon quando, investito da numerose lamentele, si è “dimenticato” di rispondere alle tante domande di chiarimento del Territorio? Noi de la Buona Lega consigliamo prima di parlare di “coerenza” di leggere un semplice dizionario della Lingua Italiana. Poi (ri)tornare tra la Gente.

La Buona Lega

(202)