Home Cronaca Incendio Malagrotta, Fdi: “Zingaretti si dimetta”
Incendio Malagrotta, Fdi: “Zingaretti si dimetta”

Incendio Malagrotta, Fdi: “Zingaretti si dimetta”

47
0

Divampano le fiamme nel Tmb2 di Malagrotta e anche lo scontro politico sul territorio. Ben prima che il sindaco Gualtieri, si appellasse al senso di unità in Assemblea capitolina, Fratelli d’Italia – all’opposizione sia in Parlamento che nelle aule locali – aveva già chiesto le dimissioni del governatore dem del Lazio, Zingaretti.

Il coordinatore regionale, Paolo Trancassini, ha accusato: «Non bastava aver ridotto Roma a capitale europea più sporca. Ora assistiamo anche all’incendio. Che altro deve accadere per certificare il fallimento di Zingaretti? Si dimetta». Lo ha sostenuto il consigliere capitolino, Andrea De Priamo, che ha parlato di «un disastro ampiamente annunciato». E sul territorio i meloniani hanno ritirato fuori la battaglia contro il biodigestore nella vicina Casal Selce: «L’area in cui dovrebbe sorgere si trova in piena zona rossa. Mi domando come sia possibile che il territorio sia ancora preso in considerazione per nuovi impianti», ha detto il consigliere municipale Marco Giovagnorio.

È su Roma, però, che le polemiche sono più ampie, almeno quanto è larga l’opposizione. Se tace in Regione Lazio, dove siede nella giunta bipartisan di Zingaretti, in Aula Giulio Cesare il M5s non risparmia le critiche. Esprime solidarietà, rivangando l’incendio che nel 2018 mandò in fiamme il Tmb Salario, ma pungola il sindaco sulla ricollocazione di circa 9.400 tonnellate di rifiuti settimanali che vanno nelle due linee di Malagrotta. «L’unica questione che ci sta a cuore è ora quella del ripristino della salubrità della zona ma soprattutto ci interessa capire come verrà ottimizzato lo sbocco della raccolta», ha affermato il consigliere Daniele Diaco. Sullo stesso punto la Lega prende di mira il piano rifiuti regionale. «Se Zingaretti si fosse speso per fare qualcosa di concreto dopo aver chiuso Malagrotta, oggi non staremmo così», ha detto il coordinatore romano, Alfredo Becchetti.

Più collaborativa l’opposizione che arriva da Azione di Carlo Calenda. L’incendio «è un’ulteriore conferma che la politica deve muoversi unita e superare questo tipo di impianti», ha scritto sui social il consigliere capitolino Francesco Carpano. Fa eco la presidente dell’Aula Giulio Cesare: «Siamo chiamati tutti a un grande senso di responsabilità, a restare uniti in un momento difficile per la città», ha detto Svetlana Celli del Pd. «Solidali con chi governa in questo momento, ma chiediamo solidarietà anche nei riguardi dei cittadini della Valle Galeria: nessuno immagini di riaprire la discarica di Malagrotta o di andare in deroga a quella di Monte Carnevale», è la replica del consigliere di Udc Marco Di Stefano. (fonte Luisa Monforte/https://roma.corriere.it). 

(47)