Home Politica Frontini sinistr, Front destr, un civismo “teutonico”
Frontini sinistr, Front destr, un civismo “teutonico”

Frontini sinistr, Front destr, un civismo “teutonico”

470
0

Se c’è una impressione netta che ci ha fatto la conferenza stampa di oggi della Frontini è quella di un rigore quasi militare della portavoce del movimento 2020 che ha affrontato l’incontro con grande decisione, come un vero capitano: concentratissima, decisa, senza fronzoli, gli assessori e i consiglieri schierati con lei sembrano temerla, tutti fermi, in riga, ad aspettare il loro momento. Se la Frontini fosse un allenatore di calcio diremmo che ha lo spogliatoio in pugno, la prima sindaca donna viterbese sembra molto responsabilizzata e assai determinata, non ammicca, non concede nulla alla platea, è diretta, sintetica, non spreca parole nè sorrisi di troppo.

Il passo è della leader, l’ambizione enorme e non nascosta, la chiarezza delle idee sembra supportarla, anche se siamo solo ai primi vagiti del suo mandato, Lei è motivata e carica, ha una mission ben definita, non vuole essere una che passa via velocemente, vuole lasciare il segno e farà di tutto per riuscire nel suo scopo: bisognerà vedere se riuscirà ad attraversare i momenti più duri della real politik, a tenere compatto il gruppo  e a tenere a freno i personalismi che possono minarne le basi: ma lei non ha paura di essere capo, quel ruolo lo sopporta, come vi fosse destinata, poi dipenderà anche dall’esercito, se sarà già quello schierato quello giusto o dovrà essere rafforzato da nuovi innesti.

Intanto sarà un esercito che non metterà facilmente in discussione la  sua condottiera, che vi si affida, poi certo verrà fuori il valore e la baldanza dei marescialli, dei tenenti, dei soldati semplici.

Frontini sinistr, Frontini destr, la guerra è iniziata e il comandante non contempla altre opzioni che la vittoria:  rischia in proprio, merita l’onore delle armi in ogni caso, almeno in questa fase di bellico abbrivio.

(pasquale bottone)

(470)