Home Politica Frontini e Troncarelli al centro pilastro “convivono”
Frontini e Troncarelli al centro pilastro “convivono”

Frontini e Troncarelli al centro pilastro “convivono”

222
0

Riprendiamo e pubblichiamo da tusciaup.it che ha fatto lo scoop di oggi, fotografando insieme le due candidate sindaco che il responsabile del centro pilastro è riuscito a far incontrare e “convivere” per qualche minuto sotto il suo tetto 

 

Alla fine il colpo l’ha fatto Luciano Barozzi, presidente del Centro sociale Pilastro. Sì, perché è riuscito – là dove altri avevano fallito – a far incontrare (e non scontrare) le due candidate a sindaco per palazzo dei Priori, Chiara Frontini e Alessandra Troncarelli (citate in rigoroso ordine alfabetico).

Un sabato pomeriggio con sorpresa dunque, quello vissuto nel giardino di via Francesco Cristofori, dove era stata programmata la festa della donna, rinviata lo scorso 8 marzo causa Covid. Ma Barozzi non si è perso d’animo e ha organizzato un evento di tutto rispetto, con tanto di band musicale (“I migliori anni”, composto da quelli che furono, tanti anni fa, i giovani del Pilastro), un dono per tutte le donne presenti, la classica tombola con tanto di premi in palio e la presenza delle due aspiranti sindaco, che hanno accettato l’invito molto volentieri.

Barozzi ha aperto la festa mostrando tutto il suo orgoglio per l’impresa, sottolineando come per Viterbo questa sarà un’elezione storica in quanto – comunque vada – eleggerà per la prima volta una sindaca, facendo gli auguri ad entrambe e ricordando loro che, a elezione avvenuta, ci saranno anche da affrontare tutte le problematiche di cui il quartiere soffre.

Chiara e Alessandra hanno fatto entrambe un breve saluto ai presenti e hanno ricordato quale può essere oggi la valenza dei centri sociali, punti di aggregazione per gli anziani, e non solo, che contribuiscono a dare vita alla città e con i quali le istituzioni devono avere un dialogo continuo.

A seguire una poesia in viterbese recitata da Rossana De Marchi, dedicata alle due candidate, poi tanta musica e l’immancabile merenda, per un pomeriggio da ricordare, fino al tramonto.

(foto tusciaup)

(222)