Home Cronaca Freccia Rossa ad Orte, contro l’isolamento di Alto Lazio ed Umbria
Freccia Rossa ad Orte, contro l’isolamento di Alto Lazio ed Umbria

Freccia Rossa ad Orte, contro l’isolamento di Alto Lazio ed Umbria

0
0

Una coppia di Frecciarossa al giorno, andata e ritorno, collegheranno Orte con Milano in circa quattro ore.

ieri  Luigi Corradi, amministratore delegato e direttore generale di Trenitalia, assieme a Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, hanno presentato la nuova fermata durante una conferenza stampa  presso lo scalo laziale.

Il collegamento dovrebbe essere operativo attorno al 13 giugno, con il passaggio al nuovo disciplinare estivo dei treni.

“Dai calcoli effettuati – dice al Messaggero l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche – si risparmieranno almeno trenta minuti. Come Regione stiamo già studiando come rimodulare gli orari dei treni regionali per poter portare alla fermata di Orte gli abitanti non solo di Terni, Narni e Amelia ma anche quelli di Spoleto e Foligno”. (ternitoday.it)

“La fermata dei due treni Frecciarossa, uno in andata uno in ritorno, è un nuovo fondamentale tassello che si inserisce nella riprogettazione dei collegamenti veloci e si aggiunge a quanto già esiste su Perugia e Terontola”. È quanto ha affermato la Presidente della Regione UmbriaDonatella Tesei, alla presentazione del collegamento tra Orte-Milano Centrale e Torino Porta Nuova che prevede un treno in partenza da Orte (con fermata a Firenze Santa Maria Novella, Reggio Emilia e Milano Rogoredo) alle ore 6.43 e arrivo a Milano Centrale in 3 ore e 10 e a Torino in 4 ore e 20. Ritorno con stessi tempi di percorrenza che prevede la partenza da Milano alle 19.10 e l’arrivo ad Orte alle 22.20. (lanazione.it)

“Un forte segnale per lo sviluppo di questo territorio”. Esprime soddisfazione e sottolinea il lavoro della Regione Lazio il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi, dopo la presentazione ufficiale della nuova fermata dell’alta velocità a Orte avvenuta questa mattina con il presidente Nicola Zingaretti e l’amministratore delegato e direttore generale di Trenitalia Luigi Corradi. Due i treni che fermeranno dal 13 giugno: il 9508 da Roma per Milano e poi Torino, con fermata a Orte alle ore 6,41; la sera il 9563 da Milano per Roma, con fermata a Orte alle ore 22,20.

“Come sottolineato dal presidente Zingaretti, grazie all’interlocuzione della Regione Lazio con Ferrovie dello Stato, è stato possibile realizzare in questi anni il rinnovo quasi totale della flotta dei treni dei pendolari, migliorando in modo notevole il servizio, avviare progetti di potenziamento e completamento delle linee regionali e portare da due a cinque le fermate dell’alta velocità – prosegue il vice presidente della X commissione -. Quando c’è la volontà di raggiungere un obiettivo, nessun traguardo è precluso. La nuova fermata dell’alta velocità potrà favorire l’attrattività della Tuscia e aprire nuove prospettive di crescita economica.

Il bacino di utenza comprende tutta la parte settentrionale del Lazio e l’Umbria. Si aggiunge un altro importante tassello nella direzione di ammodernamento e potenziamento della rete, per un sistema sempre più interconnesso e teso a ridurre il traffico su gomma a favore di quello su ferro”. Il consigliere regionale Panunzi ricorda le tappe di questo percorso: “L’iniziativa alla stazione di Orte nel 2018; l’incontro del 7 dicembre dello stesso anno a Roma, con la partecipazione dei rappresentanti istituzionali dei territori coinvolti; le lettere del 13 novembre 2018, del 21 marzo, 30 maggio e 19 settembre 2019, che l’assessorato regionale alla mobilità ha inviato a Ferrovie dello Stato Italiane e Rete Ferroviaria Italiana, la riunione dell’11 giugno 2019, sempre a Roma. Infine, la promessa mantenuta, che dopo la fermata dell’alta velocità di Frosinone ci sarebbe stata quella di Orte”.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *