Home Politica Dopo vittoria Frontini, tutti altri partiti al tappeto
Dopo vittoria Frontini, tutti altri partiti al tappeto

Dopo vittoria Frontini, tutti altri partiti al tappeto

147
0

Era sicuramente la grande favorita di queste comunali, ma nessuno si aspettava che l’impatto della sua vittoria fosse così deflagrante, o almeno non fino a questo punto: abbiamo davanti la caduta totale di un sistema dei partiti che ogni giorno che passa sembra più definitiva. Il fatto è che la Frontini è riuscita ad evidenziare molto bene con la sua azione politica le falle di una nomenclatura ormai ridotta al delirio presenzialista, senza idee e probabilmente anche senza etica ed un minimo d’amore per il bene pubblico.

La nuova sindaca non ha fatto nessuna fatica ad occupare totalmente la scena, anche per mancanza totale di competitors, il centrodestra, senza Fdi, dovrà capire innanzitutto da dove ripartire e, tranne l’espertissimo Marini che però un suo lavoro ce l’ha e forse anche un po’ di voglia di fare altro, non può contare su figure in grado di organizzare in tempi brevi un tentativo di riorganizzazione interna: Fratelli d’Italia ha un corposo consenso popolare ed una struttura forte di partito, ma deve decidere come muoversi in un gioco di scontri-alleanze con gli ex (?) alleati che non si sa ancora bene quale piega possa prendere.

Ma se il cdx è in grave difficoltà, il csx è addirittura totalmente al tappeto con un pd ( mezzo) al 10%, pentastellati e e calendani annullati e le liste schierate pro-Troncarelli semplici operazioni elettorali: una debacle storica per Pd & C che dimostra come nei decenni il csx a Viterbo sia rimasto distante dal territorio e preoccupato solo di mantenere le proprie rendite di posizione patteggiate con la destra (da seguire il lavoro autonomo civico della Ciambella che si è salvata dalla deriva abbandonando in tempo il pd).

La Frontini ha la grande occasione di favorire un ricambio totale della classe politica locale, dovrà favorire anche quello delle classi dirigenti e degli organi di informazione, solo un dibattito cittadino plurale ed articolato potrà far rientrare la vetus urbs in un occidente evoluto e al passo coi tempi.

Per ora qualche premessa interessante c’è e lo stato comatoso dell’ex sistema può spingere a pensare persino che il tempo per ridisegnare ex novo il ruolo di viterbo e i suoi obiettivi potrebbe essere  abbondante.

(pasquale bottone)

(147)