Home Cronaca Coronavirus, ora è allarme: seconda vittima italiana, 32 casi in Lombardia, 7 nuovi casi in Veneto
Coronavirus, ora è allarme: seconda vittima italiana, 32 casi in Lombardia, 7 nuovi casi in Veneto

Coronavirus, ora è allarme: seconda vittima italiana, 32 casi in Lombardia, 7 nuovi casi in Veneto

0
0

Seconda vittima italiana del Coronavirus: si tratta di una donna anziana residente a Casalpusterlengo, secondo quanto si apprende da fonti qualificate della cittadina del Lodigiano. Secondo quanto si apprende, la signora, ultrasettantenne, era debilitata da una polmonite e sarebbe stata in attesa dei risultati degli esami a cui era stata sottoposta.

La prima vittima è stata Adriano Trevisan, di 78 anni, è deceduto all’ospedale di Padova, dove era ricoverato insieme con un’altra persona positiva al virus. Ex titolare di una piccola impresa edile, Trevisan aveva tre figli, una delle quali, Vanessa, era stata sindaco di Vo’ Euganeo, di dove sono originari. L’uomo, ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie, è morto all’ospedale di Schiavonia (Padova). “Non c’è stato neppure il tempo per poterlo trasferire”, ha detto il governatore Zaia.

 

Stabili le condizioni del ‘paziente 1’, il 38enne positivo al virus ricoverato a Codogno. Già 200 test negativi all’ospedale di Schiaìvonia (Padova), dove è deceduto il primo paziente.

Sono arrivati a sette i casi di persone risultate positive ai test sul Coronavirus in Veneto“, ha detto detto il governatore del Veneto Luca Zaia. “I sette casi – ha aggiunto – sono tutti di Vo’ Euganeo tra cui due familiari del deceduto“. Sarebbero secondo quanto si è appreso, la moglie e la figlia dell’uomo. Tra i contagiati in Veneto, un paziente residente nel Comune di Mira (Venezia), di 67 anni ricoverato la notte scorsa a Padova perchè positivo al Coronavirus. Lo ha reso noto il sindaco di Mira, Marco Dori, spiegando che al momento non sono state decise misure di isolamento del comune, anche se più persone si stanno sottoponendo ad accertamenti. “In primis i familiari, gli amici e le persone rimaste a contatto con il 67enbe contagiato” ha detto. Dori ha invitato i cittadini “a restare a casa, in questa fase, e a limitare il più possibile i contatti esterni. “Distribuiremo gel contro i microbi nella principali luoghi di aggregazione. Non ci sarà, per il momento, una quarantena”.

Inoltre sono ventinove i pazienti risultati positivi ai test e che risiedono in Lombardia. Tra questi, due contagiati nel Pavese: si tratta di due medici di Pieve Porto Morone (Pavia), un comune della Bassa vicino alla provincia di Lodi. Dalla notte scorsa sono ricoverati al reparto di Malattie Infettive del San Matteo. La notizia è stata riferita all’ANSA da fonti qualificate. I due medici, marito e moglie, sono stati riscontrati positivi al primo controllo. Il marito opera come medico di base a Pieve Porto Morone (Pavia) e Chignolo Po (Pavia). La moglie è una pediatra che lavora nella zona di Codogno (Lodi).

IL BOLLETTINO DELLO SPALLANZANI – “L’uomo cinese, ricoverato assieme alla moglie allo Spallanzani, si è negativizzato ed è in buone condizioni di salute”. Lo ha detto l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato, in una conferenza stampa allo Spallanzani. Inoltre il ricercatore italiano ricoverato allo Spallanzani sarà “dimesso in giornata”, ha detto ancora D’Amato. Il giovane, caso confermato di COVID-19, era risultato persistentemente negativo ai test per il Coronavirus. “Non bisogna farsi prendere dall’allarmismo. Il modello messo in atto dalla Regione Lazio è efficace“, ha detto Giuseppe Ippolito direttore scientifico dello Spallanzani di Roma.

Sono stati valutati, ad oggi, allo Spallanzani 77 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Sono i dati dell’ultimo bollettino medico da cui emerge un aumento degli accessi rispetto ai 68 registrati ieri. Di questi, 63, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Quattordici pazienti sono tutt’ora ricoverati: tre sono i casi confermati di COVID – 19 (la coppia cinese ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola che verrà dimesso oggi). Nove sono i casi sottoposti al test che risulta tutt’ora in corso. Due sono i casi che rimangono ricoverati per altri motivi.

LA RACCOMANDAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE – Nell’ambito delle attività messe in campo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, “la collaborazione dei cittadini è fondamentale”. Lo sottolinea la Protezione civile, invitando “pertanto la popolazione a recarsi nelle strutture sanitarie e ad utilizzare i numeri di emergenza solo se strettamente necessario”.

IN 450 CHIUSI ALL’OSPEDALE DI SCHIAVONIA – Sarebbero 450 in tutto le persone chiuse da ieri pomeriggio all’interno dell’ospedale di Schiavonia (Padova) a causa dell’allarme da coronavirus. Di questi, 300 sono pazienti e 150 i dipendenti della struttura. Per tutti è prevista l’effettuazione del tampone per accertare l’eventuale contagio. L’ospedale di Schiavonia ha complessivamente 300 posti letto e 600 dipendenti. Anche il personale che non si trovava ieri nei reparti sarà sottoposto ai test.

LA POLITICA – “Il mio pensiero e il cordoglio di tutto il governo vanno alle due vittime e alle loro famiglie”, ha scritto su Facebook il premier Giuseppe Conte. “Siamo al lavoro senza sosta per reagire con la massima compattezza a questa emergenza“. “Fra poco sarò nuovamente al Comitato operativo della Protezione civile per un aggiornamento sull’emergenza Coronavirus e per valutare nuove misure straordinarie“.  (ansa)

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *