Home Cronaca Coronavirus, nel Lazio 4022 i casi positivi, 1156 gli ospedalizzati con sintomi, 79 in terapia intensiva, vietato abbassare la guardia
Coronavirus, nel Lazio 4022 i casi positivi, 1156 gli ospedalizzati con sintomi, 79 in terapia intensiva, vietato abbassare la guardia

Coronavirus, nel Lazio 4022 i casi positivi, 1156 gli ospedalizzati con sintomi, 79 in terapia intensiva, vietato abbassare la guardia

0
0

“Abbassare  la guardia sarebbe un delitto”, lo afferma il direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani di Roma Francesco Vaia da oltre due mesi in prima linea per combattere la pandemia Coronavirus. Alla giornata di sabato sono infatti ancora 4022 i positivi al Covid19 nella regione Lazio, con il numero dei pazienti deceduti aumentato a 616 persone ed un aumento di 15 nuovi casi a Roma città registrati nelle ultime 24 ore. A fare da contraltare il numero dei pazienti guariti, 2758 in totale, 84 nella giornata di sabato 16 maggio”.

Ed in effetti la situazione nel Lazio non è del tutto tranquillizzante anche per quello che riguarda gli ospedalizzati con sintomi, che sono ancora 1156 con 79 in terapia intensiva:  intanto 
proseguono i test seriologici sul personale sanitario. Quattrocento i test di sieroprevalenza effettuati alla Asl Rma 1. Su 230 farmacisti testati nella Asl Roma 2, una donna è risultata positiva al test di sieroprevalenza e al tampone. Terminati invece i test all’ospedale San Camillo eseguiti sul personale sanitario dove si sono registrati 1,3 per cento di casi positivi. 574 i test al San Giovanni, con 1,6 per cento risultati positivi al test di sieroprevalenza ma zero positivi al tampone. Al Policlinico Umberto I eseguiti 600 test di sieroprevalenza sul personale sanitario e di questi due sono risultati positivi al test sierologico. Al Campus Bio Medico 2.100 unità di personale sottoposte a test di sieroprevalenza con lo 0,9% di positivi. Infine all’ IFO sono stati eseguiti 700 test di sieroprevalenza sul personale sanitario e di questi il 3,2% sono positivi”. (cittapaese.it/ romatoday.it)

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *