3 Dicembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Comunali: “Lavoreremo in primis per la creazione di nuova occupazione”, l’intervento di Marco Prestininzi (Lavoro e Beni Comuni)

3 min read

L’appello al voto dell’aspirante consigliere comunale di Lavoro e Beni Comuni Marco Prestininzi   

Mi rivolgo principalmente a tutti gli elettori del Comune di Viterbo che percepiscono, o vivono sulla propria pelle, l’arretramento delle condizioni economiche, la riduzione dei diritti conquistati con anni di lotte, l’aumento della disoccupazione, il progressivo dissolvimento delle relazioni sociali e della solidarietà, che dovrebbero animare una comunità locale, pacifica e accogliente.

L’erosione dei diritti e l’impoverimento delle classi più deboli ha origine dalle miopi politiche, nazionali e locali, dettate dalle banche, dall’alta finanza, dai burocrati europei e dagli speculatori anche del nostro territorio.

La logica del profitto, naturale nelle imprese private, ha invaso inopportunamente, anche nel capoluogo della Tuscia, gli ambiti istituzionali della scuola e della sanità, dei servizi ai cittadini e dei beni comuni, con conseguente trasferimento di preziose risorse economiche dalle casse dell’amministrazione comunale a quelle delle società appaltatrici dei servizi.

La mancata gestione pubblica dei beni comuni deresponsabilizza e depaupera l’amministrazione comunale con inevitabile riduzione delle risorse destinabili ai soggetti più deboli, ai servizi sociali, e alla cultura.

Molti cittadini sensibili ai problemi succitati, si sono incontrati e hanno dato vita alla lista civica “LAVORO E BENI COMUNI” con candidato a sindaco Paola Celletti, allo scopo di impegnarsi per un radicale cambiamento di rotta, necessario e giusto, che le giunte di centro-destra e di centro-sinistra? che si sono succedute negli ultimi decenni non hanno attuato, forse per incapacità, sicuramente per volontà politica.

Questo progetto ambizioso, difficile e affascinante nello stesso tempo, per essere avviato ha bisogno dell’aiuto di tutti i cittadini che si riconoscono nei nostri valori e nelle nostre idee, prima e dopo le elezioni.

Noi abbiamo una serie di proposte concrete e attuabili che vogliamo tradurre in pratica nei prossimi cinque anni, riassumibili nei seguenti otto punti programmatici per:

la creazione di nuova occupazione, attraverso il turismo, le risorse termali, il patrimonio storico artistico da sottrarre all’incuria e alla speculazione dei privati, il sostegno alle attività artigianali e al commercio equo e solidale, il sostegno al lavoro femminile

la qualità della convivenza, attraverso il sostegno alle associazioni di volontariato, il contrasto al gioco d’azzardo, la partecipazione alla vita pubblica e sociale degli stranieri residenti, la promozione di forme aperte di vita democratica dei Quartieri e delle Frazioni

la difesa del territorio e dell’ambiente, attraverso la gestione pubblica dell’acqua e dei rifiuti, l’adesione alla Rete Nazionale Rifiuti Zero, il potenziamento dei collegamenti ferroviari, un efficiente trasporto pubblico urbano, la creazione di piste ciclabili e la promozione del Car-Sharing

un’agricoltura sostenibile, attraverso la cessione in uso delle aree agricole comunali dismesse con conseguente opportunità d’impiego di giovani coltivatori, il miglioramento e l’estensione del verde pubblico,

un nuovo piano urbanistico, fondato sulla cessazione degli scempi cementizi, sull’incentivazione del recupero del preesistente all’interno dei centri storici di pertinenza del comune di Viterbo (capoluogo e frazioni) e nei quartieri periferici, sul recupero a fini pubblici e associativi degli edifici inutilizzati e/o in degrado di proprietà comunale.

la difesa del diritto alla salute, contro lo smantellamento della sanità pubblica, per il rilancio della rete di consultori pubblici, per un politica di supporto alle neo-mamme e di sostegno all’allattamento al seno

una città solidale e accogliente, priva di pregiudizi omofobi e xenofobi, di violenza di genere, attraverso il potenziamento dei Centri sociali antiviolenza e di quartiere con sale lettura e polifunzionali

la partecipazione critica alla vita culturale della città, contro qualsiasi monopolio privato di spazi e risorse, tramite politiche che favoriscano la creatività e l’interazione multietnica e multiculturale, in particolare fra gli studenti ospiti e i residenti.

Su queste premesse chiedo agli elettori del capoluogo e delle frazioni di votare la candidata a Sindaco di Viterbo Paola Celletti e la nostra lista “LAVORO E BENI COMUNI” per il rinnovo del consiglio comunale.

 

Marco Prestininzi

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.