Home Politica Comunale: Tribuna Elettorale nel Consiglio Comunale atto II, il format innovativo per una politica comprensibile a tutti
Comunale: Tribuna Elettorale nel Consiglio Comunale atto II, il format innovativo per una politica comprensibile a tutti

Comunale: Tribuna Elettorale nel Consiglio Comunale atto II, il format innovativo per una politica comprensibile a tutti

3
0

Paola Celletti di Lavoro e Beni Comuni, Chiara Frontini di Viterbo 2020, Filippo Rossi di Viva Viterbo e Francesco Serra di Viterbo dei cittadini, sono stati i protagonisti della seconda giornata della “Tribuna Elettorale” tenutasi a Palazzo dei Priori.

Il format, fluido e innovativo, a cui hanno assistito numerose persone oltre agli addetti ai lavori, ha portato al confronto con il Direttore di Cittapaese Paco Bottone, tutti gli otto candidati sindaco di Viterbo.

“E’ stata una magnifica occasione per conoscere al meglio i futuri sindaci, i programmi e i collaboratori di colui o colei che vincerà la tornata elettorale del 10 giugno”, questo, in sintesi il commento di molti dei presenti.

Sociale, identità cittadina, turismo, sicurezza e sanità, i temi esaminati nelle interviste, della durata di 15 minuti circa per ciascun candidato.

Com’è noto le liste rappresentate durante l’incontro di oggi, non fanno riferimento a partiti politici, anche se, come nel caso di Paola Celletti, la trama rispecchia i valori della sinistra. La Celletti stessa pone in evidenza “il rilancio dell’edilizia e l’auspicabile manutenzione di immobili pubblici e privati”, rileva con forza “lo spreco di denaro necessario al pagamento degli affitti per gli uffici pubblici, che potrebbero essere tranquillamente spostati nelle strutture di proprietà del Comune”.

Una forte attenzione al tema della ricostruzione e rivalutazione dell’identità viterbese e la successiva promozione della città, al centro del programma di Chiara Frontini, che indica già due membri di quella che potrebbe essere la “propria squadra di governo: Alfonso Antoniozzi che grazie alle proprie competenze artistiche sarebbe chiamato a guidare la Cultura e Anna Rita Petroselli all’Urbanistica, vista la sua formazione e le esperienze maturate in tale campo”.

Filippo Rossi, che si presenta per la seconda volta a capo del movimento Viva Viterbo, giornalista e ideatore della celeberrima manifestazione Caffeina e della più nuova Caffeina Christmas Village, che hanno portato alle cronache nazionali la città, illustra il suo programma osservando proprio i punti relativi alla cultura, come il “recupero e la valorizzazione dell’ex Ospedale Grande degli infermi, sito sul Colle del Duomo, punto nevralgico della storia e dell’arte viterbese e la riapertura dei cinema nel Centro Storico”.

Chiude la giornata Francesco Serra, sostenuto come Frontini e Rossi, da due liste.

Con la chiarezza e la pacatezza che lo contraddistinguono, fa un’attenta analisi della situazione attuale in cui si trova il Comune di Viterbo, essendo consigliere uscente e avendo fatto parte della maggioranza.

Non crede negli apparentamenti qualora dovesse arrivare al ballottaggio, visto che “ogni cittadino decide secondo le proprie intenzioni e spera di riempire il grande vuoto occupazionale presente”, augurando alla città un’alleanza tra le varie realtà imprenditoriali. Proprio la situazione economica è ciò che preoccupa di più Serra, dato che Viterbo occupa l’86° posizione tra le province italiane per reddito.

Come ieri, il video della “Tribuna Elettorale è disponibile sulla pagina Facebook di Viterbo Civica.

Daniela Proietti

(3)