Home Politica Caos nel Pd, la nota, Zingaretti si dimette gridando al complotto dei “poltronisti”, ma intanto la Lega “conquista” Draghi
Caos nel Pd, la nota, Zingaretti si dimette gridando al complotto dei “poltronisti”, ma intanto la Lega “conquista” Draghi

Caos nel Pd, la nota, Zingaretti si dimette gridando al complotto dei “poltronisti”, ma intanto la Lega “conquista” Draghi

0
0

Riprendiamo un intervento pubblicato da Donato Robilotta,   già Assessore Affari Istituzionali Regione Lazio sul blog  https://www.alessioporcu.it/

 

Nicola Zingaretti, dopo le critiche ricevute nei giorni scorsi dall’interno del Pd, si è dimesso da Segretario con una nota sui social, in maniera inusuale per un Partito che si dichiara erede di vecchie tradizioni.

E maniera ancora più inusuale, per giustificarle, usa la questione della lotta per le poltrone, come se della lotta politica non facesse parte anche la battaglia per gli incarichi politici e istituzionali.

Insomma un linguaggio caro ai 5 stelle che mai un esponente della Dc o del Pci avrebbe usato.

Pare che nessuno dei suoi sapesse niente e neanche i maggiorenti del Pd, anche se più volte nei giorni scorsi era circolata la voce di sue possibili dimissioni.

Non si capisce se abbia perso i nervi, come penso io, o sia una mossa astuta da professionista della politica, come pensano alcuni autorevoli commentatori, per anticipare i suoi oppositori, obbligare gran parte del Partito a esprimergli solidarietà e farsi respingere le dimissioni dall’assemblea di metà marzo, in modo da evitare il congresso e cercare di strozzare il dibattito interno.

Comunque sia la sua mossa evidenzia in maniera plastica il fatto che il Pd non ha ancora elaborato il lutto del Governo Conte e soprattutto che non ha preso bene la nascita del governo Draghi.

Il Pd appare in tutta evidenza il grande sconfitto della nascita del governo Draghi e la sua crisi interna rischia di dare grande spazio alla Lega, che oggi con Giorgetti appare come il Partito più vicino al Presidente del Consiglio.

Sembrerà paradossale ma è così, anche perché la crisi che ha portato Draghi a Palazzo Chigi non è solo politica,  ma di sistema e il suo insediamento sta già provocando un vero e proprio terremoto nel sistema politico. E siamo solo all’inizio.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *