Home Cronaca Caffeina e i 15mila euro incassati da LazioCrea
Caffeina e i 15mila euro incassati da LazioCrea

Caffeina e i 15mila euro incassati da LazioCrea

288
0

Il Caffeina Party di Filippo Rossi, Giacomo Barelli (e famiglia) & Andrea Baffo, a quanto sembra, ha fatto il grande gesto di rifiutare i 5000 euro, ottenuti dal comune tramite il suo ormai noto sottomarchio (Associazione Culturale Compagnia del Teatro), per organizzare un minifestival impudentemente annunciato con il famigerato brand “originale”.

L’avventata resurrezione di Caffeina quindi finisce qui, con questa retromarcia innestata dopo le solite ridicole minacce di querele? No. O meglio non ancora.

C’è da chiarire, per esempio, se l’Associazione Culturale Compagnia del Teatro pagherà o no, come è giusto che sia, l’occupazione del suolo pubblico per il minifestival caffeinistico.

C’è da capire, tra l’altro, perché la benemerita Fondazione Carivit conceda un contributo o una sponsorizzazione, di cui ci è ignoto l’importo (Caffeina, l’Associazione Culturale Compagnia del Teatro o chi per loro non sono infatti presenti tra i vincitori del bando 2022 della Fondazione Carivit), a una manifestazione invisa (per usare un eufemismo) alla maggioranza dei viterbesi.

C’è da comprendere, infine, perché la Regione Lazio, tramite la società LazioCrea (determina n.1192/21.05/11/2021), abbia concesso 15000 euro al neofita (dal punto di vista dei finanziamenti regionali) sottomarchio caffeinista Associazione Culturale Compagnia del Teatro per cinque presentazioni di altrettanti libri e una rappresentazione teatrale (queste le uniche attività svolte dal sottomarchio tra il dicembre 2021 e il gennaio 2022).

Poi ci sarebbe un’altra piccola cosuccia, che però riguarda il settore Cultura del comune.

La sconosciuta Soc. Coop. Teatro Valmisa, domiciliata a Senigallia (Ancona), ha ricevuto dal comune un finanziamento di 7500 euro per una oscura manifestazione o rappresentazione dal titolo Pasolini Pop (sic).

Ebbene, la Fondazione Carivit, a cui la Soc. Coop. Teatro Valmisa si era rivolta per ottenere un finanziamento, non ha sborsato neppure un centesimo per questo fantomatico Pasolini Pop (NON ACCOLTA, si legge a caratteri cubitali nella graduatoria). La Fondazione Carivit, a differenza del settore Cultura del comune, non ha colto lo spessore culturale della proposta della Soc. Coop. Teatro Valmisa? Ah, saperlo!

(Davide Mametti)

(288)