28 Novembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Arrestato finto prete con 3 kg di cocaina

2 min read

La droga sequestrata dalla Polizia, 8 febbraio 2017. Un'organizzazione transnazionale che trafficava stupefacenti tra la Spagna e la Sardegna e riforniva le piazze italiane è stata smantellata dalla Polizia al termine di una complessa indagine condotta dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Cagliari. Gli arresti degli appartenenti all'associazione sono stati eseguiti a Nuoro, Cagliari, Sassari, Pavia e Bari. Ingente il quantitativo di droga sequestrato nel corso delle indagini: migliaia di chili tra marijuana, eroina, hascisc e cocaina per un valore di milioni di euro. Ad operare è stata la Squadra mobile di Nuoro insieme a quelle di Milano, Pavia e Bari. Numerose le perquisizioni domiciliari che hanno portato al sequestro di materiale utile alle indagini. La base logistica dell'organizzazione era ubicata tra Orgosolo (Nuoro) e Siurgus Donigala (Cagliari), con ramificazioni in varie città italiane e in Spagna. ANSA/ POLIZIA DI STATO +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Smascherato ed arrestato all’aeroporto di Fiumicino un finto prete: aveva occultato circa tre chilogrammi di eroina purissima nella custodia del pc. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno inferto un altro colpo al narcotraffico internazionale individuando, sotto le mentite spoglie di “prete missionario”, uno dei più insospettabili corrieri appartenente ad un’organizzazione dedita all’introduzione di sostanze stupefacenti nel territorio nazionale.

Al Leonardo da Vinci, alle prime domande dei Finanzieri del Gruppo di Fiumicino,l’uomo ha dichiarato di avere la cittadinanza americana e di essere giunto a Roma, proveniente da Maputo (Mozambico), in transito dall’aeroporto di Lisbona, reduce da un impegnativo viaggio missionario. Nel corso del controllo dei documenti, i militari hanno scoperto come la sua vera cittadinanza fosse in realtà nigeriana e che era in possesso solamente di una semplice richiesta di cittadinanza statunitense, mai accolta, che doveva servire esclusivamente ad indurre in inganno i finanzieri. Durante l’ispezione dei bagagli al seguito del “finto prete”, l’uomo ha tentato un ultimo stratagemma ed ha cominciato, per intimorire i militari, ad esibire la croce che indossava al collo, accompagnando tale gesto con la minaccia di una “scomunica” nei confronti delle fiamme gialle che, a suo dire, stavano compiendo un sacrilegio.

I sospetti dei finanzieri hanno trovato la loro conferma quando, all’interno dell’imbottitura della borsa porta computer, hanno scoperto, in appositi doppifondi, circa tre chilogrammi di eroina purissima, destinata ad alimentare il mercato del litorale romano. L’operazione pone l’attenzione sul ritorno al consumo dell’eroina, la cosiddetta “droga dei poveri”, in quanto il costo molto basso, anche 20 euro per una dose da 1 grammo e addirittura 5 euro per una monodose da 0,1 grammo, ne favorisce la diffusione soprattutto tra i più giovani. L’eroina sequestrata avrebbe consentito alle organizzazioni criminali di immettere sul mercato circa 25.000 dosi che avrebbero garantito ai trafficanti guadagni per oltre 1 milione di euro. (adn)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.