Home Politica “Vogliono svendere Viterbo alla cifra di un piatto di lenticchie”: il duro intervento sulle “comunali” del cdx di Umberto Ciucciarelli
“Vogliono svendere Viterbo alla cifra di un piatto di lenticchie”: il duro intervento sulle “comunali” del cdx di Umberto Ciucciarelli

“Vogliono svendere Viterbo alla cifra di un piatto di lenticchie”: il duro intervento sulle “comunali” del cdx di Umberto Ciucciarelli

0
0

Certe logiche mi hanno nauseato.

Quelle logiche che consentono ad una pur degnissima persona di trovarsi fiondato su una candidatura a sindaco senza alcuna vera ragione.

Tra l’essere un ottimo professionista in uno specifico settore e il diventare un amministratore appena decente c’è una voragine spazio/tempo grossa come un buco nero. Sempre che non si necessiti della stesura di un velo pietoso sull’altarino delle sottostanti spartizioni o della propria impresentabilità. Questa storia del “nome” calato ed imposto dall’alto (di cosa?) fa acqua da tutte le parti, distante decenni dalle necessità immediate di Viterbo.

Alla prima occasione utile, si getta nel pattume il sacrosanto principio dell’autodeterminazione di un intero Territorio dopo che con esso ci si è riempiti la bocca per anni.
E dispiace non poco annotare come anche nomi di persone che continuo a ritenere degnissime siano accostati senza smentite ad un progetto, che personalmente ritengo vergognoso, alla modica cifra di un piatto di lenticchie.

L’ampio respiro, la progettualità, la legittima ambizione personale e la competenza come zerbino di decisioni assunte altrove.

Bravi, non c’è che dire.

(Umberto Ciucciarelli)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close