Home Politica Viterbo, vietato dai coordinatori nazionali si apre oggi il congresso provinciale di Forza Italia: Tajani anche lui “proprietario feudale” del suo partito nella città emarginata dal mondo
Viterbo, vietato dai coordinatori nazionali si apre oggi il congresso provinciale di Forza Italia: Tajani anche lui “proprietario feudale” del suo partito nella città emarginata dal mondo

Viterbo, vietato dai coordinatori nazionali si apre oggi il congresso provinciale di Forza Italia: Tajani anche lui “proprietario feudale” del suo partito nella città emarginata dal mondo

0
0

Ma allora è vero che Viterbo fa storia a sè in Italia e nel mondo? Probabilmente sì,  anche a giudicare da quanto succede in questi giorni in Forza Italia: con un comunicato ufficiale i commissari del partito azzurro Carfagna e Toti lo  scorso 24 giugno annunciavano che per “dare attuazione alla linea annunciata dal presidente Silvio Berlusconi… nelle more di un proficuo confronto e della definizione dell’assetto provvisorio che dovrà portare il nostro movimento alla stagione dei congressi, i coordinatori regionali, provinciali e comunali sono pregati di astenersi dall’assumere decisioni che comportino cambiamenti negli assetti politici e amministrativi di loro competenza e di evitare lo svolgimento di congressi locali che necessariamente si celebrerebbero con regole ormai in via di superamento”. Vietato ogni congresso locale, in pratica: eppure a Viterbo oggi 19 luglio alle 17,30, “presso la Piccola Opera di Vitorchiano, strada Ortana 15, è convocato il congresso provinciale di Viterbo.

Quindi per quel che concerne il suo feudo nella vetus urbs l’ex presidente del parlamento europeo Tajani fa di testa sua e convoca i tesserati locali con le vecchie regole, senza rispettare le indicazioni nazionali; e  c’è anche un ordine del giorno e ci sono anche “le regole”: 107 voti per presentare una lista e il numero dei candidati al Comitato Provinciale “non potrà essere superiore al 40% del numero degli eligendi, pari a 21 candidati, ai sensi dell’articolo 9 del regolamento dei congressi provinciali di Forza Italia”.

Come se corresse l’anno  2010 magari, il tempo lì immobile   e il partito fosse al 30% a livello nazionale: la cosa che rattrista è che il colpo di mano Tajani e i suoi lo abbiano messo in atto solo a Viterbo, come fosse una realtà a parte dove i politici sono proprietari feudali e decidono autonomamente del destino dei loro sudditi.

Episodio che ben rende la completa emarginazione della povera malcapitata città dei papi rispetto al resto del Paese.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *