Home Cronaca Viterbo, stupro di gruppo al pub, l’avvocato della vittima. “Faremo ricorso, pena troppo lieve”
Viterbo, stupro di gruppo al pub, l’avvocato della vittima. “Faremo ricorso, pena troppo lieve”

Viterbo, stupro di gruppo al pub, l’avvocato della vittima. “Faremo ricorso, pena troppo lieve”

0
0

“Farò ricorso per la parte di risarcimento del danno, deve ottenere una cifra adeguata. Quei due le hanno rovinato la vita, e l’indennizzo deve essere proporzionato ai gravissimi fatti di cui si sono macchiati”. A dirlo a Fanpage.it è Franco Taurchini, l’avvocato della 36enne stuprata dai due militanti di CasaPound (espulsi dopo l’arresto) Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi. I due le hanno dato 20mila euro l’uno, ma secondo il legale della vittima non è un risarcimento adeguato visto tutto quello che ha subito, i problemi psicologici che si porterà dietro, e il video che è stato diffuso nelle chat. Che è stato cancellato sicuramente dalle persone che l’hanno ricevuto via WhatsApp sul gruppo del Blocco Studentesco e del Gruppo Bazzi, ma che forse è stato inviato ad altra gente. E, in questi casi, eliminare definitivamente un video di questo tipo è molto complicato. “Dobbiamo ricordarci che questi due ragazzi l’hanno picchiata, stuprata per ore in condizioni di incoscienza e filmata – continua l’avvocato – L’hanno rovinata con questa storia del video e la questione andava trattata in un altro modo. La pena, inoltre, è stata più lieve perché gli è stato riconosciuto, secondo me in modo indebito, l’attenuante del risarcimento del danno. Che non mi sembra ci sia stato”.

Stupro di Viterbo, pm aveva chiesto 4 anni e mezzo per Licci e Chiricozzi

Per Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi, il pm aveva chiesto una pena pari a quattro anni e mezzo di reclusione, che si sono tramutati in una condanna (abbastanza lieve) a due anni e dieci mesi per Licci e tre anni per Chiricozzi. “La vittima è felice che finalmente si sia capito chi ha detto la verità, dato che dopo averla ammazzata di botte i due sostenevano addirittura che fosse consenziente. Soldi o non soldi è contenta che con la condanna si sia capito chi ha mentito, ma faremo comunque ricorso per ottenere un risarcimento adeguato al danno subito”. Licci e Chiricozzi in aula si sono scusati per lo stupro. “Non avevamo capito che non fosse consenziente”, hanno dichiarato. Ma per Taurchini “è chiaro che queste non sono scuse sincere, ma dettate dall’interesse di avere una condanna più bassa”.

Lo stupro nell’Old Manners Tavern, pub di CasaPound
Per Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci il giudice aveva chiesto il giudizio immediato. Le prove a loro carico erano infatti così schiaccianti da non lasciare spazio a dubbi: lo stupro c’era stato ed era stato anche molto violento. Gli investigatori che lo hanno visionato lo hanno definito “agghiacciante”. Dopo averla picchiata e resa incosciente nel pub di CasaPound, i due l’hanno violentata per ore, minacciandola di morte e filmandola mentre la stupravano a turno. Arrestati, sono stati portati al Mammagialla di Viterbo. Adesso si trovano ai domiciliari, ma quando la sentenza sarà definitiva sconteranno il resto della pena in carcere. (natascia grbic/ romafanpage)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *