Home Cronaca Viterbo. Nella città dei Papi il lavoro è un privilegio per pochi… L’apertura “opaca” della grande distribuzione tra familismo e voto di scambio
Viterbo. Nella città dei Papi il lavoro è un privilegio per pochi… L’apertura “opaca” della grande distribuzione tra familismo e voto di scambio

Viterbo. Nella città dei Papi il lavoro è un privilegio per pochi… L’apertura “opaca” della grande distribuzione tra familismo e voto di scambio

0
0

Negli ultimi mesi Viterbo sembra diventata la meta preferita dei grossi centri commerciali: si vocifera da tempo delle aperture di Decathlon, H&M, Tigre, Upim ha persino già alzato le saracinesche da qualche giorno. E cos’è che non va allora? La concezione del lavoro e della scelta del personale con cui si presentano sul territorio: annunci di apertura dati all’ultimo momento, quasi in sordina, come se fosse già tutto pronto e i giochi inevitabilmente fatti. Altrimenti perchè ufficializzare le cose addirittura una settimana prima dell’inizio attività, perchè non pubblicare sui giornali cittadini minimo un mese prima le modalità per partecipare alla selezione del personale? Possibile che non servano corsi di preparazione alla vendita o ad altro, colloqui, tempo per la stesura dei contratti, preliminarmente alle aperture? Il dubbio atroce è che l’annuncio, come dicevamo prima , venga dato solo pro forma, quando tutto è già stato deciso e stabilito da settimane: una mancanza di sensibilità nei confronti dei giovani disoccupati terribile che capita in una città non a torto considerata da tempo immemorabile una delle roccaforti del voto di scambio e non solo nel Lazio. Una città dove persino partecipare semplicemente alle selezioni per un  lavoro viene considerato un privilegio per pochi: e dove i criteri di scelta in ogni settore della vita cittadina fanno regolarmente a meno del merito cui antepongono familismo e logiche clientelari. Un brutto desolante quadro per una Viterbo già in crisi irreversibile di idee, intelligenze ed identità.

(pa.bo) 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close