Home Cronaca Viterbo, la nauseante sosta selvaggia nella strettissima Via delle Fabbriche: i “cittadini” allo stato brado che trasformano la città in una giungla
Viterbo, la nauseante sosta selvaggia nella strettissima Via delle Fabbriche: i “cittadini” allo stato brado che trasformano la città in una giungla

Viterbo, la nauseante sosta selvaggia nella strettissima Via delle Fabbriche: i “cittadini” allo stato brado che trasformano la città in una giungla

0
0

Via delle Fabbriche, strada stretta o molto stretta  che collega Piazza Fontana Grande a Via la Fontaine e viceversa: una delle strade più martoriate di Viterbo, a vederla fa pena e tristezza. Come se non bastassero le condizioni più che precarie della stessa strada, che andrebbe chiusa all’istante, ci si mette la solita inciviltà sempre più irritante di chi impunito vi parcheggia l’auto.

Una via che si cammina già con difficoltà a piedi, aperta al traffico e alla sosta selvaggia (cosa imperdonabile): un’altra piccola giungla cittadina dove le regole non esistono e ad avere la meglio è solo la protervia di qualche “primitivo” che la usa come garage personale.

Ed i vigili? Magari passeranno qualche volta, chissà. That’s Viterbo, centro storico allo stato brado.

(r.s.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *