Home Cronaca Viterbo, il “pericoloso” degrado del centro storico, la nota di “Marta la dissidente: “Sono stanca di votare gente molto più ignorante e incapace di me”
Viterbo, il “pericoloso” degrado del centro storico, la nota di “Marta la dissidente: “Sono stanca di votare gente  molto più ignorante e incapace di me”

Viterbo, il “pericoloso” degrado del centro storico, la nota di “Marta la dissidente: “Sono stanca di votare gente molto più ignorante e incapace di me”

0
0

Se nella politica ci fossero persone competenti, nel cercare fondi per restauro e manutenzione, saprebbero avvantaggiarsi del marketing “dura poco ..ecc ecc” che usano a Civita di Bagnoregio, dove la singolare fragilità del luogo è punto di forza. Il Centro Storico Medievale di Viterbo, con un semplice servizio di navette, e magari l’apertura degli infiniti locali chiusi con botteghe tipiche, artigiani, Operatori del proprio ingegno, insomma tutto quello che manca ai centri commerciali che decentrano la vita cittadina, e che attira turismo di qualità, potrebbe diventare motore economico locale etico e di rilievo. Un attrattore positivo.
Molte proprietà private sono chiuse nel centro storico, chiedetevi perché.

Le tasse per la proprietà di un locale in un centro storico così, sono sproporzionate all’ effettivo valore del locale, visto la morte che aleggia fra le macchine e l’immondizia del centro, questo, ovviamente per me umile diplomata, non per gli amministratori viterbicoli, ops, viterbesi, crea un intoppo economico, perché in un centro storico putrescente quanto ti danno di affitto? Ce le paghi le tasse? Ma poi…qualcuno ci vuole venire? Questa questione di locali chiusi, tasse e affitti è determinante. La politica parla di cose senza sostanza e lo fa anche male. Nella politica nazionale, come in quella locale spesso mi chiedo: ma come recluta la politica? Quali competenze e qualità cercano e selezionano? Perché tutte le volte che vado a votare devo scegliere fra persone persino più ignoranti e incapaci di me e della maggior parte di coloro che conosco?

(marta la dissidente)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *