Home Cronaca Viterbo, “differenziata”: ha delle regole, o si rispettano o non si fa
Viterbo, “differenziata”: ha delle regole, o si rispettano o non si fa

Viterbo, “differenziata”: ha delle regole, o si rispettano o non si fa

0
0

La “differenziata” ha delle regole ben precise che vanno rispettate alla lettera, non sono interpretabili: se vengono rispettate le cose funzionano, in caso contrario non ha neanche senso farla. Quindi le polemiche su questo tema non sono inutili, sono fastidiose: e poi potrebbero avere un senso se la collaborazione dei cittadini fosse precisa e corretta, non vaga e molto precaria.

Morale della favola: ripassiamo tutti il funzionamento della raccolta differenziata, cerchiamo di metterla in pratica come si dovrebbe, se qualcuno poi, pur avendo fatto tutto quello che gli era richiesto nel modo migliore possibile notasse irregolarità o altro allora ha tutto il diritto ed il dovere di protestare con decisione.

Il rispetto delle regole di civile convivenza, del bene  pubblico, della città vive a Viterbo da anni momenti di totale defaillance: e non è un fatto solo di qualità  delle amministrazioni o di proposta politica, di destra o di sinistra al  potere: non si illuda chi sarà al governo della vetus urbs nei prossimi anni, anche loro saranno fatti oggetto di attacchi rancorosi, di critiche inferocite, di mancanza di collaborazione dal basso.

Nessuno può chiamarsi fuori da un esiziale bisogno di una dettagliata riproposizione di modelli evoluti di educazione civica che portino la cittadinanza  a partecipare attivamente al miglioramento delle condizioni di vita cittadine che sono davvero al minimo storico.

E se non si sceglie questa strada non ci saranno uomini della Provvidenza,  boom economici, turismi di massa record a risollevare le sorti della città: la crisi è etica, prima che politica e l’unico primato  che ci rimane è essere insuperabili nel deprezzare quello che ci circonda e il patrimonio di bellezza di cui siamo proprietari. Cambiare percorso o perdersi nel distruttivo nulla che avanza, altra scelta non c’è .

(pasquale bottone)

Foto: Viterbo Civica

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close