Home Politica Viterbo, Comune, la nota: Arena non può fare miracoli, specie se i partiti che lo sostengono sono ormai solo “famiglie” e “comitati di affari”
Viterbo, Comune, la nota: Arena non può fare miracoli, specie se i partiti che lo sostengono sono ormai solo “famiglie” e “comitati di affari”

Viterbo, Comune, la nota: Arena non può fare miracoli, specie se i partiti che lo sostengono sono ormai solo “famiglie” e “comitati di affari”

0
0

La maggioranza a Palazzo dei Priori è in grave difficoltà, ma lo è sin dall’inizio del suo mandato: è nata male, senza un progetto per la città condiviso, con appetiti familisti dei partiti manifestatisi clamorosamente già all’abbrivio.

L’errore fondamentale di Giovanni Arena è stato forse di volere, fortissimamente volere guidarla: abbiamo più volte criticato il sindaco per la sua eccessiva bonomia, sappiamo anche che lo abbiamo fatto arrabbiare, ma gli abbiamo detto sempre chiaramente come la pensavamo al contrario di tanti sepolcri imbiancati della cosiddetta informazione viterbese a caccia di mancette.

Ma il primo cittadino non può fare miracoli, se i partiti preferiscono essere delle famiglie autoreferenziali e tutto vogliono fuorchè accordarsi seriamente tra di loro, non può mica trasformarsi nel protagonista di “Un giorno di ordinaria follia”, potrebbe solo mandare tutti a quel paese e fare altro, questo sì, ma non deve essere una decisione facile da prendere.

Ed ecco che il buon Giovannino cerca di dare il suo contributo diminuendo le distanze fra istituzioni e cittadini, inaugurando a destra e a manca, frequentando la città come un comune residente a contatto con la casalinga, l’operaio, il piccolo imprenditore, il commerciante.

Ha un sorriso ed una battuta pronta per tutti, umanamente è il sindaco più vicino alla sua gente che io ricordi: peccato solo che si trovi a dover fare i conti una coalizione politica da guidare estremamente mediocre e squallidamente affaristica, senza costrutto, protesa alla difesa dei propri affari personali.

Peccato che tutto ciò abbia incattivito non poco la vita cittadina, inasprito i contrasti, mortificato ogni regola.

Ecco perchè la bonomia di Arena merita apprezzamento ed umana simpatia, ma è del tutto fuori contesto in una città morente e corrotta ogni giorno di più.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *