Home Politica Viterbo-Comune, continua il patto “contronatura” tra Pd e Pdc (Partito di Caffeina), il lento e colpevole suicidio del csx viterbese
Viterbo-Comune,  continua il patto “contronatura” tra Pd e Pdc (Partito di Caffeina), il lento e colpevole suicidio del csx viterbese

Viterbo-Comune, continua il patto “contronatura” tra Pd e Pdc (Partito di Caffeina), il lento e colpevole suicidio del csx viterbese

0
0

Non è bastata la fallimentare esperienza della amministrazione Michelini, quando con un patto elettorale masochista e contronatura il centrosinistra appaltò al Pdc (partito di Caffeina) tutta la cultura per cinque anni; non è stata sufficiente la batosta elettorale che ne è seguita, il successo netto del centrodestra al pd viterbese per cambiare idea.

Prosegue l’alleanza di quest’ultimo con Barelli (e quindi Rossi) verso le prossime comunali: un suicidio che quotidianamente l’ex assessore Alvaro Ricci celebra sui quotidiani e nel corso dei consigli comunali, con aspirazioni mai sopite ad essere il candidato sindaco di una rinnovata coalizione.

Perchè il csx viterbese debba passare attraverso le forche caudine di una stretta alleanza con l’indistruttibile tandem Rossi-Barelli non è dato sapere, soprattutto alla luce dei recenti accadimenti che coinvolgono la fondazione caffeina in operazioni d’intrattenimento commerciale che andrebbero chiarite, perchè fatte di mille rivoli e complicazioni che nessuno ha compreso bene.

E non si capisce perchè sia necessario riproporre l’esempio di un governo della città, quello guidato da Michelini, dal forte effetto antipatizzante nei confronti dei cittadini, elitario (per modo di dire, elitario di paese ovviamente), inconcludente e pieno di tensioni interne e di politica politicante.

Dopo esperienze così negative magari l’elettorato di centrosinistra (perchè c’è ancora in città , vero?) avrebbe diritto a maggiore trasparenza e a confrontarsi con una coalizione di riferimento che non contenga in sè macroscopici conflitti d’interesse e patti elettorali di squallido conio.

D’altronde il buon Filippo Rossi annuncia sempre di voler costruire una nuova destra “buona”, è questa la sua meta: perchè il csx gli dà una mano a mettere su qualcosa di concorrenziale
alla sua proposta? Aspetta l’ennesima voltata di spalle di Rossi per gridare al voltagabbana fuori tempo massimo?

(pa.bo)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *