Home Politica Viterbo, Alvaro Ricci presidente onorario e responsabile promozione della Fondazione Caffeina “di fatto”? Eccolo lì a Palazzo solo per difendere gli interessi di Rossi e Barelli
Viterbo, Alvaro Ricci presidente onorario e responsabile promozione della Fondazione Caffeina “di fatto”? Eccolo lì a Palazzo solo per difendere gli interessi di Rossi e Barelli

Viterbo, Alvaro Ricci presidente onorario e responsabile promozione della Fondazione Caffeina “di fatto”? Eccolo lì a Palazzo solo per difendere gli interessi di Rossi e Barelli

0
0

Gli spettacoli di infinita tristezza nella povera abbandonata Viterbo si ripetono con frequenza ormai quotidiana: dopo la polemica Sgarbi Arena, un c movie inguardabile, ecco che ritorna ad apparire sul suo giornale di famiglia l’ex assessore Alvaro Ricci del pd che con toni accorati difende ancora una volta i suoi alleati Rossi e Barelli e la Fondazione Caffeina a suo dire esclusa di fatto dal bando di concorso di Natale così chiarendolo “Al punto 3, dove si specificano i soggetti ammessi alla selezione è specificato che possono partecipare alla selezioni i soggetti di cui all’articolo 45 del decreto legislativo numero 50 del 18 aprile 2016. “Così strutturata sarebbe una norma ad excludendum associazioni o proloco che hanno avuto una parte importante nell’organizzazione negli anni passati possono partecipare? Io penso di no”.

Adesso, con questi chiari di luna di una città in ginocchio che l’unica cosa (anche se fosse vero quel che dice) su cui decida di intervenire un consigliere del Pd sul giornale main partner della rassegna natalizia rossibaffiana riguardi solo i fatti di “casa caffeina” ci sembra alquanto bizzarro, soprattutto con una amministrazione Arena in difficoltà su mille determinanti temi.

E va bene che Ricci spera ancora di fare il sindaco con l’appoggio di Barelli, Purchiaroni ed Erbetti (m5s), ma uno prima di avere ambizioni dovrebbe anche informarsi sul consenso popolare che gli è rimasto dopo il suo ultimo mandato da assessore.

Ed il pd sembra davvero poca cosa con Ricci, lo sfogo narcisistico di un pensionato o poco più.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *