Verso le comunali: lo strabismo politico di Viva Viterbo, si allea con il centrodestra, ma guarda a sinistra

Oramai la lista civica Viva Viterbo è abituata ai tripli e quadrupli salti mortali, ne ha fatti tanti che i suoi componenti ormai probabilmente non ci fanno neanche più caso, vanno automaticamente dove tira il vento: partiti come accesi “terzaforzisti” sono poi approdati ad un alleanza organica col centrosinistra per poi ritornare a destra con il patto già stipulata con Forza Italia, Fondazione di Santucci e Fratelli d’Italia. Ora però vengono i problemi: non è chiaro infatti, tranne il mancato affidamento del Teatro dell’Unione alla Fondazione Caffeina, perchè Viva Viterbo abbia rotto con il centrosinistra: è stata un’alleanza per Barelli (nella foto) & Co, assai fruttuosa, che ha portato a poter raddoppiare gli eventi cittadini di Caffeina durante l’anno e ad un monopolio assoluto sul territorio: con l’alleanza stretta con Fioroni poi la “fondazione” ha davvero ottenuto il massimo possibile, avviato collaborazioni con la Curia, ottenuto il pieno appoggi dei poteri economici cittadini. Lo strappo sarà dovuto forse all’esigenza di rifarsi il look per la paura di perdere appeal elettorale, perchè la Fondazione Caffeina non si accontenta d avere il predominio nel settore dell’intrattenimento, vuole avere anche peso politico, “potersi difendere da sola”. Di qui il ritorno alla casa madre centrodestra, con una passione irrisolta: l’ottimo rapporto con Zingaretti, Panunzi e la Regione Lazio cui non vorrebbe rinunciare: ma sarà possibile con gli schieramenti previsti per le prossime regionali e politiche, coltivare contemporaneamente amori trasversali come ora ? Forse Viva Viterbo confida in un nuovo governo di Unità Nazionale che tragga d’impaccio tutti e consenta libertà di “amoreggiamento”? Certo, magari se politica e interessi personali non dovessero andare necessariamente a braccetto, forse la credibilità delle istituzioni e della libera intrapresa ne trarrebbero entrambe un grande giovamento.

(pasquale bottone)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *