Tribune a pagamento, sponsorizzazioni, volgari business: Santa Rosa nasce come festa religiosa e tale deve tornare ad essere

Le tribune dovrebbero riguardare un evento sportivo o musicale, non una festa religiosa: eppure l’orribile abitudine non sembra che qualcuno abbia voglia di abbandonarla dalle parti del Comune di Viterbo. Tribune dagli alti costi per quelli che se lo possono permettere (Viterbo si dimostra città classista e feudale dai giri più che chiusi e dalle opprimenti massonerie), addirittura sponsorizzate come un concerto o un torneo di pallavolo. Sarebbe il caso di riaprire le piazze ai cittadini e di mettere in soffitta tali antiestetiche strutture; e di pensare magari solo a qualche soluzione che possa permettere ai portatori di handicap e ai più anziani di assistere al trasporto, gratis ovviamente. Quella di Santa Rosa deve tornare ad essere una festa religiosa, nel rispetto di un luminoso esempio di vita e di fede, gli eventi pagani non devono neanche sfiorarla così come i business di sempre più volgari consorterie.

(p.b.)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *