Home Senza categoria “T’amo pio Galeotti ah se non ci fossi stato tu!!!”. I “consigli” della Frontini alla cosiddetta Tuscia Web Academy: il mondo sempre più piccolo della politica viterbese
“T’amo pio Galeotti ah se non ci fossi stato tu!!!”. I “consigli” della Frontini alla cosiddetta Tuscia Web Academy: il mondo sempre più piccolo della politica viterbese

“T’amo pio Galeotti ah se non ci fossi stato tu!!!”. I “consigli” della Frontini alla cosiddetta Tuscia Web Academy: il mondo sempre più piccolo della politica viterbese

0
0

Poteva mai mancare alla scuola privata cosiddetta Tuscia Web Academy la politica rampante per eccellenza degli ultimi anni, la giovane donna che 20/ 20 diede nome al suo movimento? Ovviamente no, anche perchè  la suddetta movimentista sempre riservò le sue preziose esclusive all’anziano Galeotti  cui pubblicamente invia sempre accorati messaggi di riconoscenza per lo spazio che da sempre le riserva. Essendo la cosa cronachetta di provincia morta e sepolta poco ci riguarderebbe, se non fosse sintomatica del modo di procedere stanco e medioevale dei politici viterbesi che cercano la facile vetrinetta dove esporre i loro pensieri e i loro mai, a dire il vero rivoluzionari o in qualche modo originali progetti, e difficilmente il contatto di una vasta platea che anzi fanno di  tutto per evitare. Si sentono così rassicurati dal cantarsele e dirsele tra di loro lungo gli angusti confini di una visitatissima bacheca che altro non cercano: di qui la Frontini scelse di visitare la galeottica schola per concionar di  devoti consiglieri e  di consigli comunali  come se poi l’assemblea viterbese fosse il centro del mondo e non il simbolo del degrado istituzionale cittadino, con tanti partecipanti che addirittura tra lor s’invocano in vernacolo e si chiamano a “Aò”, “dimme” , etc come stessero fra di loro a pascolar pecore e a bere vino.  Perchè evidentemente la Frontini ha i suoi microcosmi e mai si sognerebbe di allargare gli orizzonti, di benedir la schola andava anche a lei ed eccola in azione e poi festeggiar la fotina in bella posa neanche fosse stata a Oxford oppure alla Sorbona: che ci volete fare è giovane e per giunta sciovinista a tutto tondo: prima li viterbesi, Deo Caro, cacciamoli pure i romani, i napoletani, e quelli di Latina, Sperlonga o Cefalù…  potrebbe dire invero… e non fa che cantar…  T”amo pio Galeotti ah se non ci fossi stato tu!!!

( articolo scritto da “non viterbese”)

foto Tusciatimes

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close