Home Cronaca Sanità: “Odissea Etrusca post operatoria”, cosa ti succede al Belcolle se ti imbatti, a ferite aperte, con un “dottore di campagna”
Sanità: “Odissea Etrusca post operatoria”, cosa ti succede al Belcolle se ti imbatti, a ferite aperte, con un “dottore di campagna”

Sanità: “Odissea Etrusca post operatoria”, cosa ti succede al Belcolle se ti imbatti, a ferite aperte, con un “dottore di campagna”

0
0
Ci è giunta una lettera firmata che di seguito pubblichiamo integralmente sui problemi che si trova ad affrontare chiunque si trovi a vivere il decorso post-operatorio al Belcolle.  La solitudine e la mancanza di riferimenti che chiunque passi per la suddetta situazione debba giocoforza sopportare.  La pubblichiamo perchè sia espressione di una sofferenza che dovrebbe essere loro evitata e sprone ad una maggiore attenzione da riservare  a questi casi.  
Aggiornamento sulle incongruenze della malasanità etrusca. Ossia “Odissea Etrusca post-operatoria”.  Fui dimessa barcollante,con una cicatrice con 34 punti sulla pancia per ernia addominale, dopo soli 5 giorni, sola e senza mezzi. Dovetti organizzare un passaggio a casa, dal Belcolle a Bagnaia,  dove risiedo da 3 anni. C’erano la neve, il ghiaccio, vento e pioggierellina ghiacciata. Mi appoggio sul braccio forte e rassicurante di Stefano, dell’associazione Apici, e evitiamo per un pelo di scivolare sui tanti scalini ghiacciati nel Borgo Home Sweet Home con The Cat. Dormo esausta, 20 ore di fila. L’indomani si presenta The Doctor, tramite la mia preziosa vicina,  perchè nemmeno il cellulare funzionava. Prende visione della mia cicatrice che gli sorride con 34 denti d’acciao, come una cerniera lampo (a zipper). Non vorrei insistere ma percepisco un lampo di terrore dietro gli occhiali. Compila la listina di disinfettanti da comprare in farmacia e scompare con un “Ci vediamo domani”. Era l’8 marzo,e nemmeno un “Auguri”, anche in Etrusco,  andava bene. Che gentleman doctor di campagna! 
Da questo momento, il paziente -cioè io- The Patient, deve morì. E’ abbandonato a se stesso con la ferita che sorride come “The Cheshire Cat” e “The Doctor” come il Bianconiglio, fuggito.
E’ tutto qui.
(g.l.)
Lettera firmata

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close