Provinciali: centrodestra elettoralmente forte, ma spaccato e litigioso, accordo politico sempre più lontano: resa dei conti tra Battistoni e Marini

Nelle dichiarazioni del post-voto alle provinciali il candidato presidente del centrodestra Equitani (nella foto) si dichiara soddisfatto di aver rimesso insieme il centro-destra: ma questo è parzialmente vero, o meglio lo è a livello di numeri, perchè sicuramente il centrodestra mostra di esserci e di avere un folto seguito in città e provincia. Eppure si tratta di consensi che rischiano di essere dispersi perchè l’unità politica non si intravede nemmeno. Tanto è vero che a Viterbo Forza Italia non si è compattata intorno al suo candidato Mecarini e questo appare strano perchè certifica la profonda spaccatura tra battistoniani e mariniani, questi ultimi in libera uscita verso una sempre più probabile lista civica alle comunali e con magari la poco remota intenzione di avere un loro candidato alle regionali (lo stesso Marini o Sabatini?). Mentre Fratelli d’Italia mostrano compattezza (hanno votato tutti il candidato Grancini), Santucci resta sostanzialmente battitore libero e Daniele Sabatini mostra di voler competere con una sua corrente che alle elezioni pare sia stata rappresentata dal suo stretto collaboratore Micci. Mentre il rientrante Rossi, pur in asse con Rotelli, non ha interrotto le comunicazioni con il centrosinistra e con la parte di Pd vicina a Panunzi e quindi non è ancora parte integrante al cento per cento di questo centrodestra revival. Cosa succederà nei prossimi mesi, chi vincerà politiche e regionali? Da qui partiranno i percorsi decisivi delle varie fazioni di un centrodestra molto spaccato tentato specie per quel che concerne Forza Italia (in gran parte) di imboccare la scorciatoia dell’accordo programmatico elettorale con i Moderati e Riformisti di Fioroni che già hanno rafforzato le fila in provincia acquisendo il sindaco di Montefiascone, ex socialista, Massimo Paolini.

(p.b.)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *