“Prima il programma, poi gli uomini” il grido di battaglia dei 5 stelle: ma il “movimento” invita i cittadini a partecipare ad un programma mai presentato

Dopo l’abbandono delle attiviste Speranza e Burla e del responsabile dei temi legati all’acqua pubblica Roberto Merangoli, il movimento 5 stelle continua ad avere un atteggiamento piuttosto defilato all’interno del panorama politico viterbese e ad inviare comunicati stampa per manifestare la sua esistenza. A meno di un anno dalle elezioni comunali non ha ancora un candidato sindaco nè personaggi particolarmente noti in città, a parte l’attuale portavoce De Dominicis che ha svolto il suo compito di sicuro laboriosamente, ma con risultati oggettivamente poco entusiasmanti. Il loro grido di battaglia è “il programma innanzitutto, poi gli uomini” che potrebbe anche essere un modo di procedere condivisibile, per carità, ma il problema è che più passa il tempo più il suddetto “programma” non si intravede nemmeno. E’ di questi giorni l’invito del meet up viterbese rivolto a cittadini, associazioni, comitati, a scrivere con loro un programma partecipato per le comunali. Il fatto è che anche questa intenzione potrebbe essere lodevole, se solo venisse annunciata dopo la pubblicazione ufficiale del programma del movimento, non prima: come si fa infatti a partecipare ad un programma se non si conoscono i principi fondanti di quest’ultimo, se non è ancora uscita fuori un’idea di città, di cambiamento radicale, di profonda innovazione da parte del movimento? Non si riesce a capire, tranne l’elencazione nozionistica frequente di commi e e punti del regolamento comunale, un approccio quindi esclusivamente “scolastico” alla cosa pubblica, quali siano gli obiettivi che il m5s si è posto: il dibattito interno latita da sempre e si continua a rimandare il problema di mettere su un gruppo dirigente credibile e di scegliere un candidato sindaco con concrete possibilità di vittoria. Sembra che tutto il destino del movimento sia affidato alle ambizioni personali e alla spartizione in atto all’interno di una ristrettissima super-oligarchia di carisma assai modesto. Forse gli elettori dei 5s, almeno quelli potenziali, si aspettavano altro ed anche Viterbo forse avrebbe meritato una reale forza alternativa al sistema, da queste parti mai nata.

(p.b.)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *