Home Cultura Pierluigi Battista al Teatro Caffeina presenta il suo ultimo volume “A proposito di Marta, le poche cose che ho capito di mia figlia”
Pierluigi Battista al Teatro Caffeina presenta il suo ultimo volume “A proposito di Marta, le poche cose che ho capito di mia figlia”

Pierluigi Battista al Teatro Caffeina presenta il suo ultimo volume “A proposito di Marta, le poche cose che ho capito di mia figlia”

0
0
Domani, giovedì 28 dicembre alle ore 18.00  Pierluigi Battista (nella foto) al Teatro Caffeina di Via Cavour presenta il suo libro “A proposito di Marta, le poche cose che ho capito di mia figlia”. L”intervista sarà curata da Giorgio Renzetti.
Un padre nato negli anni Cinquanta tempesta la figlia venticinquenne con domande pressanti, talvolta invadenti, ma sempre animato dalla voglia incontenibile di conoscere i suoi interessi, le sue scelte di vita, i suoi dolori e le sue speranze e, attraverso di lei, quelli della generazione dei cosiddetti «millennials», dai quali sente di essere diviso da una voragine psicologica e culturale. Le risposte che riceve lo lasciano dubbioso, a volte incredulo, recalcitrante e persino adirato, ma non spengono il suo desiderio di capire come va il mondo di adesso, quale direzione ha preso, con quale linguaggio parla, con quali immagini si emoziona. E così, per farsene un’idea più chiara, si ritrova a rubare brandelli di conversazione, a scavare nei ricordi, a spiare gergo, gesti e gusti, a scrutare comportamenti e rituali collettivi (la figlia in compagnia degli amici) che spesso precludono ogni genere di dialogo.
Alla fine scoprirà che le tante, drastiche differenze (l’abbandono completo dei giornali, la sacralità della «natura» contrapposta alla scienza e alla tecnica, il diverso valore attribuito alla medicina, la preferenza accordata all’erboristeria rispetto alla farmacia, il ruolo centrale assunto dalla qualità del cibo e dalla cura del corpo, il culto del vintage), al pari delle insospettabili affinità (l’amore per i libri, ancora intatto nonostante certe statistiche, o la passione per la musica, per il cinema e per i musei, sia pure virtuali), descrivono una realtà in cui tutto muta a una velocità forsennata. Eppure qualcosa resta, anche se non sempre sappiamo riconoscerlo fino in fondo.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close