Home Politica Pd, è guerra a tutto campo a Michelini: i fondi per le periferie solo una scusa, cittapaese.it vi spiega i veri motivi della disputa
Pd, è guerra a tutto campo a Michelini: i fondi per le periferie solo una scusa, cittapaese.it vi spiega i veri motivi della disputa

Pd, è guerra a tutto campo a Michelini: i fondi per le periferie solo una scusa, cittapaese.it vi spiega i veri motivi della disputa

0
0

Clamoroso in casa centrosinistra: il pd, relativamente alle politiche di investimento da adottare riguardo i  17 milioni di euro provenienti dal governo centrale per le periferie, attacca l’assessore Saraconi e di conseguenza il sindaco Michelini (nella foto) per l’utilizzo degli stessi fondi ipotizzato. Dopo non aver posto mai il problema in consiglio comunale, dopo che di acqua sotto i ponti  ne è passata parecchia dalla visita lampo di Gentiloni ora prende le distanze dal primo cittadino, puntualizza cose ben conosciute da tutti (l’inutilità di una nuova piscina), lascia intendere di essere in disaccordo vistoso con “l’ingegnere e i suoi”. Una posizione incomprensibile, affidata poi solo a certa stampa, gestita dall’unione comunale, dall’onnipresente Fabbrini (augusto presidente del centro studi Aldo Moro) e dai pasdaran fioriniani Minchella, Rizzello e Scorsi, volta unicamente a dichiarare guerra a Michelini. Perchè tutto ciò ? Chiaro, ormai per tutto il pd il sindaco è diventato un personaggio scomodo e ingombrante, specie ora che sta riflettendo sul da farsi, se ripresentarsi alle comunali o optare per il consiglio regionale, ambizioni che i democrats non intendono assecondargli, sia per i fioroniani che per i panunziani Michelini è arrivato al capolinea, può tranquillamente ritornare al suo lavoro originario.  Di errori in 4 anni e passa ne ha commessi tanti e anche la sua mancata capacità di imporsi non merita giustificazioni, ma che sia l’unico responsabile di un fallimento totale che riguarda l’intera amministrazione di centrosinistra ce ne passa. Il fatto è che allontanatasi la prospettiva Parlamento la Ciambella ha bisogno di trovare nuova collocazione e le cose sono due, o si candida a sindaco o punta alle regionali: i fioroniani hanno bisogno quindi che entrambe le poltrone siano vuote per patteggiare con i panunziani. Cosa sia diventato il pd a Viterbo ( come nel resto d’Italia) lo vedete tutti da soli, disposti a sfiduciare persino il loro sindaco ( ipotesi più che possibile per passare poi da vittime innocenti del “mostro Michelini”) pur di mettere a punto le strategie personali di qualcuno: mentre la città aspetta programmi seri che possano se non farla rinascere almeno non ammazzarla del tutto questa è la politica viterbese, sempre più miserabile cosa.

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close