Home Cultura “No alla privatizzazione di Villa Borghese e Piazza di Siena”: l’appello di Vittorio Emiliani e Carlo Troilo
“No alla privatizzazione di Villa Borghese e Piazza di Siena”: l’appello di Vittorio Emiliani e Carlo Troilo

“No alla privatizzazione di Villa Borghese e Piazza di Siena”: l’appello di Vittorio Emiliani e Carlo Troilo

0
0

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota inviataci dal giornalista scrittore Vittorio Emiliani.

Chiediamo che, a tempi brevissimi, gli assessori capitolini allo Sport e all’Ambiente chiariscano ai cittadini come stanno realmente le cose in relazione alla notizia – pubblicata da tutta la stampa romana – di un accordo con il CONI e con la Federazione Sport Equestri (FISE) col quale si affiderebbe ai due enti di gestire Piazza di Siena e il Galoppatoio di Villa Borghese per le gare ippiche che vorranno, con contratti rinnovabili e per ben otto anni nelle intenzioni della FISE, utilizzando la Casina dell’Orologio per “ricevimenti”, trasformando anche il Galoppatoio in un impianto sportivo permanente, e rendendo stabili le tribune e gli altri impianti: in pratica, una sostanziale, continuata “privatizzazione” di Piazza di Siena e del Galoppatoio, escludendo dal suo pieno godimento i cittadini romani ai quali lo Stato invece la destinò acquistandola nel 1901.

Chiediamo che, al contrario, entro l’estate, si concretizzi l’impegno a trasferire, dal prossimo 2019, il Concorso Ippico in altra sede. Da qualche anno – e con una impressionante progressione – il Concorso Ippico di Piazza di Siena si è trasformato in un pretesto per occupare per circa due mesi (fra preparazione, concorso e ripristino della zona) tutta l’area circostante, fino alla cancellata del Giardino del Lago: una marea di bancarelle e di rumorose installazioni che rendono inaccessibile una vasta area di Villa Borghese e ne fanno un indecoroso suk. A questo s’aggiungono i continui danni, irreparabili, alla vegetazione dei giardini storici, e il via vai di mezzi pesanti il cui ingresso è vietato dalle leggi di tutela.

Nel contempo suggeriamo come nuova sede del Concorso stesso lo Stadio dei Marmi, dove si svolge già con successo il prestigioso Concorso ippico internazionale del Longines Global Champions Tour.  Una location perfetta perché non necessita di lavori di allestimento, si inserisce nel quadro di un Foro Italico destinato alla pratica di tutti gli sport e dispone di ampi parcheggi. Lo stesso vale per l’ippodromo di Tor di Quinto, prestigiosa sede del centro ippico dei Lancieri di Montebello, ai piedi della collina Fleming.

Chiediamo che, essendo già la “città storica di Roma” qualificata Sito Unesco Patrimonio dell’Umanità e la stessa Villa Borghese inserita nella apposita Carta Unesco, essa venga tutelata con ben altra attenzione ed energia stornando definitivamente la minaccia di una “privatizzazione” come quella contenuta nella convenzione fra Comune, Coni e Fise per Piazza di Siena e per il Galoppatoio, ed eliminando per sempre lo sconcio, intollerabile parcheggio di pullman turistici dall’ingresso del Valadier da piazzale Flaminio verso l’interno. Oltre tutto, la Carta mondiale di Firenze del 1981 prevede che nei luoghi storici dalla stessa protetti gli eventi possano essere soltanto eccezionali e non invece continui. Non siamo fra quanti vorrebbero conservare questi beni come in una teca, ma riteniamo che nelle Ville Storiche siano possibili soltanto attività e strutture discrete, compatibili con l’assetto antico e con la funzione pubblica delle Ville medesime, come, ad esempio, la Casa del Cinema e la Ludoteca della Casina di Raffaello.

Da ultimo ci chiediamo: ma cosa stanno facendo o si propongono di fare, davanti a tanti stravolgimenti di un bene storico, artistico e paesaggistico di valore planetario quale Villa Borghese, la Sovrintendenza Capitolina e la Soprintendenza statale? Rimanere a guardare?

.

Vittorio Emiliani Comitato per la Bellezza  Carlo Troilo Osservatorio Roma

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close