Home Politica L’intervista: “Il cambiamento parte dalle piccole cose”, cittapaese.it incontra il candidato sindaco del Movimento 2020 Chiara Frontini
L’intervista: “Il cambiamento parte dalle piccole cose”, cittapaese.it  incontra il candidato sindaco del Movimento 2020 Chiara Frontini

L’intervista: “Il cambiamento parte dalle piccole cose”, cittapaese.it incontra il candidato sindaco del Movimento 2020 Chiara Frontini

0
0

30 gradi all’ombra di una delle sedi del Movimento 20 20, quella di Via Cavour: l’appuntamento con Chiara Frontini per le ore 12, 30, a far gli onori di casa lo spin doctor Fabio Cavini, una sorta di moto perpetuo con l’attenzione sempre a mille e la deliziosa responsabile di stampa e promozione Martina Indiveri, sempre molto gentile e disponibile.

Se c’è un “effetto Frontini” in città molto si deve all’entourage del giovane candidato sindaco, molto affiatato e comunicativo: eccola, comunque, “il riccio che avanza”, arriva poco dopo, si siede accanto a me pronta a cominciare senza neanche tirare il fiato. Questa ragazza sono mesi che sostiene ritmi incredibili,  beata gioventù (determinatissima gioventù).

Scusi Frontini che effetto le fa aver vinto già lo “scudetto del marketing” di questa campagna elettorale?

( ride) E’ una bella soddisfazione perchè anche quello serve ed è importante ma io punto in primis a quello dei contenuti, sa, noi abbiamo un programma, in questo panorama cittadino può sembrare strano, ma sono mesi e mesi che ci lavoriamo e più passa il tempo più lo presentiamo quotidianamente con convinzione e consapevolezza”.

Come ci si sente a passare dal ruolo di outsider al ruolo di favorita, almeno per il ballottaggio?

“Sinceramente non so, io continuo per la mia strada, lavoriamo tutti tanto, poi se ce la metti tutta i risultati arrivano e neanche te ne accorgi: siamo molto fiduciosi  e abbiamo la grinta giusta, ma non facciamo previsioni, vedremo quello che succederà”.

Trova molto monotona e sottotono questa campagna elettorale?

“Non ci sono idee, obiettivi da raggiungere, ed ormai la politica delle clientele, dei favori e degli scambi si può dire scaldi sempre meno l’animo della gente che è esasperata, ha bisogno di fatti, di risposte, non si appassiona ai giochetti dei partiti. Ecco perchè noi siamo forse il primo esperimento in Italia di una lista civica che cerca di raccogliere le esigenze delle persone a prescindere dalle loro appartenenze, di abbattere gli steccati ormai vetusti tra destra e sinistra, di far salire a valore principale della propria azione un perenne servizio pubblico, l’ascolto dei cittadini, l’impegno quotidiano”.

Si può fare politica oggi, a suo avviso, solo con i fatti e senza ideali?

“Ognuno ha i suoi ideali, deve mantenerli, ma la politica deve agire, favorire sempre il cambiamento, il risveglio dei cittadini, una ripresa etica della vita della città”.

Cambiamento, vale a dire?

“Il cambiamento può partire anche dalle piccole cose, una città pulita,  dei programmi precisi per il rilancio culturale, la valorizzazione delle bellezze della città: se vieni dopo decenni di immobilismo amministrativo, di approssimazione, non puoi che partire da qui…”.

Lei esordì come assessore con la giunta Marini, ha sentimenti di riconoscenza per l’ex sindaco?

“Devo molto a quella amministrazione in termine di esperienze fatte e non potrei mai negarlo: è anche vero però che poi tra me e quel centrodestra esisteva una distanza siderale, diciamo che erano loro a non essere pronti al cambiamento”.

A chi la accusa di “grillismo local” cosa risponde? 

“Che siamo due cose distinti e distanti, siamo cresciuti come lista civica appunto perchè poi abbiamo elaborato un progetto del tutto personale”.

Sono giorni questi in cui la tensione sale….

“E noi infatti lavoriamo tutto il giorno per combatterla, siamo motivatissimi ed in ogni caso ci sentiamo vicini ad un traguardo  importante, e poi siamo riusciti a rimodulare radicalmente i modi di far politica cittadini. Ho con me gente in gamba, professionisti affidabili e competenti, saremo già pronti da oggi ad amministrare  la città”.

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close