Letargocrazia imperante: la sempre più profonda crisi di Viterbo e la totale mancanza di risposte tranne l’immobilismo e la noia

La crisi che deriva dai fatti del 2008 non è ancora stata assorbita del tutto ovunque nel mondo, anche se segnali di ripresa qua e là si vedono, persino nella sempre più incomprensibile Italia. Purtroppo siamo alle solite, invece, per quello che riguarda Viterbo: un’intera classe dirigente e politica, anche dinanzi al momento più basso degli ultimi 50 anni che la città sta vivendo in questi ultimi periodi brancola nel buio, non sa che fare ed utilizza la rassegnazione dei cittadini per sopravvivere. Perchè la crisi di Viterbo non è solo economica (sono parecchie le rendite di posizione che restano immutate), ma morale, psicologica, strutturale, programmatica: come se la naturale propensione della città a vivere distaccata dal mondo si fosse quadruplicata in poco tempo: nessuna reazione al degrado, alla noia, sempre la solita routine implacabile come se tutto dovesse continuare così all’infinito. Nessuno slancio da parte di istituzioni, imprenditori, qualche iniziativa privata “super-raccomandata” da alcuni notabili di paese che la fa da padrone nella assoluta mancanza di contenuti e di concorrenza, un grigiore che impera ovunque e non conosce fantasia, ricerca, confronto: la situazione è più che drammatica e la città si troverà ad affrontare la campagna elettorale per le regionali e le comunali nel torpore più assoluto. Le prime alleanze prospettate in questi mesi potrebbero rivelarsi il colpo fatale per le residue speranze rimaste, ma c’è qualcuno che continua a sperare in una candidatura imprevista che possa favorire un cambiamento dello status quo: ma il problema è sempre quello, con le “teste pensanti che si vedono in giro”, con le “professionalità che continuano a mettersi in bella mostra di sè” nei soliti circuiti, da dove potrà mai sbucare l’atteso salvatore della patria?

(pasquale bottone)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *