Lavoro, nuovi disoccupati in Tuscia, chiude anche l’Euronics di Civita Castellana

Si sente parlare di ripresa dei consumi e dell’attività imprenditoriale in Tuscia, ma poi ogni volta ci si trova dinanzi  a nuove chiusure di negozi, supermercati, e ad altri lavoratori senza impiego. Ultimi solo in ordine di tempo i 7 dipendenti  dell’ Euronics al Centro Commerciale Marcantoni di Civita Castellana che resteranno senza occupazione per la chiusura del punto di vendita: unico sindacato ad intervenire finora l”Usb Viterbo che denuncia “l’ennesima speculazione sulle spalle dei lavoratori: i negozi aprono, utilizzando gli incentivi e chiudono appena questi finiscono, precarizzando la vita, non solo dei lavoratori, ma di intere comunità”.

Oggi i dipendenti hanno organizzato una protesta per chiedere garanzie all’Idg (gestore dell’intera struttura commerciale) e al direttore del centro commerciale, i lavoratori chiedono di essere presi in considerazione a fronte di nuove aperture. Non è possibile chiudere e aprire continuamente negozi creando un vero e proprio esercito di precari sul territorio.

“I vertici aziendali -ha dichiarato l’Usb  Viterbo così come è stato riportato dalla proprietà- hanno ostacolato qualsiasi tentativo di trattativa con Euronics. Questi non avrebbero concesso alcun ribasso o dilazione sull’affitto del negozio, troppo oneroso per una cittadina come Civita Castellana. L’Idg continua a scaricare le responsabilità, lasciando i lavoratori senza alcuna spiegazione, né alcuna assicurazione di reintegro in caso di apertura di un nuovo punto vendita”.

(r.g.)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *