La Viterbo che resiste: la competenza “appassionata” di Allen Straffi, proprietario dell’omonima libreria di Via Saffi

Nonostante il centro storico di Viterbo sembri sempre più spesso una città fantasma, poco (e spesso male, specie di sera) frequentata, c’è chi resiste con tutte le sue forze e non pensa minimamente di arrendersi: figuratevi, poi se questo qualcuno è un libraio quanta determinazione e impegno deve metterci in più. Eppure passi per il suo negozio, nella ex prestigiosa Via Saffi e trovi un Allen Straffi, proprietario dell’omonima libreria (nella foto), tranquillo e motivato, che non si nasconde dietro un dito ed esordisce con un “certo, diventa sempre più difficile, specie lavorando in una strada dove passa sempre meno gente, ma io resisto, con tutte le difficoltà immaginabili, contando su un mio pubblico affezionato e dovendo praticamente fare a meno di una clientela occasionale che molto aiutava il bilancio della ditta”. 43enne competente e appassionato di libri e di letture sin da bambino, Allen continua la tradizione del padre Walter, venuto a mancare, dal 2008, nello stesso negozio che fu suo, ed evita accuratamente polemiche o accuse mirate riguardo il periodo di difficoltà che si trova a vivere: “Certo- ammette- negli ultimi tempi hanno aperto librerie in zona che hanno molti più mezzi di me, ma non è che mi metto io ora a contestare il libero mercato e le sue regole, ognuno faccia il suo lavoro, dico solo che io devo andare avanti da solo, non ho chi mi fornisce risorse aggiuntive o strutture alle spalle”. Specializzata in narrativa di qualità e in pubblicazioni e giocattoli educativi per bambini, la Libreria Straffi è un luogo dove professionalità e cortesia sono all’ordine del giorno ed il clima è rilassato e cordiale: caratteristiche che purtroppo non appartengono al momento a tutto lo stremato mondo del commercio viterbese, ma che dovrebbero essere le sole basi di partenza di una città futura che ritrovi se stessa.

(pasquale bottone)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *