Home Cronaca I pensieri della Gioconda: sono passati 50 anni dal 68 e il mio padrone è costretto a farmi i selfie
I pensieri della Gioconda: sono passati 50 anni dal 68 e il mio padrone è costretto a farmi i selfie

I pensieri della Gioconda: sono passati 50 anni dal 68 e il mio padrone è costretto a farmi i selfie

0
0

Cinquantesimo dal ‘68… sono già passati cinquanta anni da quel turbolento sessantotto…  e mia nonna era una sessantottina scodinzolava per le vie di Roma, coinvolta anch’ella in diversi tafferugli da cui usciva sempre indenne.

La padrona invece spesso rientrava tumefatta, ma erano altri tempi, un’altra società, ricorda che all’epoca non c’era l’obbligo di raccogliere la cacca, per questo anche mia nonna in segno di ribellione “scacarellava” su marciapiedi o simboli vari.

Anche noi bastardini come tutta quella società in piena fiducia nel futuro si “armava” come poteva per dire la sua. A cinquant’anni da quei tempi mi ritrovo senza più mia nonna, con un padrone costretto a raccogliere la mia cacca e farmi i selfie.

La Gioconda

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close