Fratelli di… Rotelli: domenica il congresso provinciale di Fratelli d’Italia con un “un uomo solo al comando” (e la Meloni che dice?)

A livello nazionale Fratelli d’Italia con la Meloni ha saputo negli ultimi tempi prendere decisioni coraggiose come il no secco ad una legge elettorale appoggiata persino dalla Lega oltre che dall’intero centrodestra come “unica possibile”. La “segretaria” del partito ha saputo smarcarsi dal pensiero dominante, rimandando ad una politica che ritrovi il suo senso valoriale. Altra storia a Viterbo dove domenica 22 ottobre alle Terme dei Papi si celebrerà il congresso provinciale dell’ “one man party” di Mauro Rotelli, signore assoluto del partito e ispiratore di ogni sua iniziativa politica e strategica. Il fatto è che però la suddetta politica annoia da sempre mortalmente Rotelli che preferisce il gioco del burattinaio, l’organizzazione di festival, il mondo colorato del web: una mentalità da imprenditore, insomma, che sembra lontanissima dai moniti meloniani ed anche da una certa destra sociale post-missina legata in ogni caso ad una tradizione ben precisa. Rotelli inventa associazioni, think thank tecnologici per attrarre specie giovani a caccia di lavoro, è un post-idealista concreto con una sua intelligenza creativa, ma molta spregiudicatezza di comportamento: l’ideale partner del Rossi, insomma, un business man che ama le intese trasversali commerciali, la ricerca dell’utile, la difesa dell’interesse proprio. Un modo di essere che svuota completamente Fratelli d’Italia di quella che dovrebbe essere la sua anima politica, impoverendo i principi fondanti e l’amore per l’etica e la legalità che potrebbe meglio caratterizzare una forza conservatrice che come punto di riferimento dovrebbe avere Paolo Borsellino e non Steve Jobs. Intanto l’anomalia viterbese, l’ennesima, prosegue e rende Fratelli d’Italia un partito personale pronto anche a seguire il più pacato moderatismo globalizzato pur di seguire l’atipica rotelliana via tracciata.

(pasquale bottone)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *