Home Politica Fioroni “dice messa” e lancia segnali di pace agli “orlandiani: “pd unito e vincente”: ma la realtà e la base sono ormai lontane
Fioroni “dice messa” e lancia segnali di pace agli “orlandiani: “pd unito e vincente”: ma la realtà e la base sono ormai lontane

Fioroni “dice messa” e lancia segnali di pace agli “orlandiani: “pd unito e vincente”: ma la realtà e la base sono ormai lontane

0
0

Se c’è una cosa che oggettivamente manca ai politici del pd viterbese è il realismo: ecco quindi rilasciare interventi al loro house-organ quotidiano ( quello che farebbe dire loro anche che  la terra è quadrata e che accorre premuroso a tutte le “feste delle famiglie” che contano) che risultano come spaccati veri e propri di umorismo paradossale. Comincia Sandro Mancinelli con un originalissimo “bisogna ripartire dal cambiamento vero e profondo”, proprio in tempi di restaurazione renziana e di leggi sul rafforzamento della legittima difesa, che sarebbe un po’ come dire “sarebbe meglio combattere la povertà  che la ricchezza” o “un partito democratico non deve essere totalitario”: gli rispondono Fioroni e i fioroniani che dalla misticheggiante  “festa di ringraziamento” esultano in preghiera solitari ed ecumenici  per l’affermazione alle primarie e lanciano messaggi di pace agli “orlandiani” parlando di un pd unito e vincente (tutto).  Come vedete è tutta gente che vive in un proprio mondo, che probabilmente non fa un giro per la città a piedi da anni, che non ha nemmeno sentito parlare delle ultimi indagini statistiche che evidenziano che più di 18 milioni di italiani vivono in condizioni di povertà e che non è nemmeno a conoscenza magari che i parlamentari eletti dovrebbero comunicare con l’intera cittadinanza, anche quella che non li ha eletti. e rendere conto del proprio mandato in continuazione, non concionare seraficamente solo davanti agli amici e agli amici degli amici. Il Pd, anche a Viterbo, continua ad allontanarsi sempre più dalla propria base originaria che ormai vede gran parte dei suoi rappresentanti come fumo negli occhi, ma fa tutto fuorchè preoccuparsene: l’importante è che la partecipazione sia significativa e rassicurante agli episodici raduni familiari: la politica del privato, insomma, perchè di comune senso del pudore non ne è rimasta neanche l’ombra.

(p.b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close