Home Politica Fantacomunali: intervista a Gigilbello, l’unico candidato viterbese rimasto fuori da ogni lista
Fantacomunali: intervista a Gigilbello, l’unico candidato viterbese rimasto fuori da ogni lista

Fantacomunali: intervista a Gigilbello, l’unico candidato viterbese rimasto fuori da ogni lista

0
0

Il giorno dopo la presentazione delle liste la città tutta si prepara ad affrontare la campagna elettorale dando ascolto ai 59999 candidati in lizza: tutti hanno trovato spazio per queste comunali, un posto in lista, anche il mio lattaio di fiducia che mi ha già perentoriamente comunicato che per i prossimi 30 40 giorni farò bene a servirmi dal supermercato perchè lui è impegnato a “salvare la città ” e resterà chiuso quasi sempre. Il dramma è che è l’unico venditore di latte di soia di cui mi fido, vanne a trovare un altro: persino la sarta di mia zia e il guardamacchine della sagra del capriolo saranno impegnati nelle prossime settimane, anche il signore della porta accanto che ieri ho visto tornare a casa con due cartoni di bigliettini elettorali e mi ha a stento salutato come se fosse in una sorta di trance- civico elettorale senza via di uscita.

La lieta novella l’ho avuta solo verso le 11 di stamane perchè me l’ha passata tornando da messa la ex badante bielorussa di mio cugino Foffi. Mi ha chiamato alla finestra, mi sono affacciato ed ecco la “bomba”: “Paco, se vieni con me subito a Pianoscarano ti presento l’unico candidato che non hanno candidato, lo abbiamo ospitato nel magazzino della signora, si aggirava tutto depresso stamane, vieni”. Vado, la cosa mi incuriosisce. Dopo 10 minuti di cammino segnati dal solito escursus sulle novità più significative dell’indie- rock bielorusso, eccoci arrivati.

Il “tipo” è seduto su una sedia piuttosto malmessa e mi prega di non fotografarlo, mi darà lui una foto di repertorio girata solo qualche ora fa però (è quella poi da noi pubblicata). E’ gentile, ma piuttosto giù di corda, parla un viterbese strano, ma tutto sommato riconoscibile, faccio fatica a farlo sorridere, ma alla fine ci riesco, anche se per pochi secondi. Ecco che comincio a fargli qualche domanda.

Ma che le è successo, la vedo molto delusa e amareggiata, mi racconti pure… 

“Mi perdoni, ma lei come starebbe ad essere l’unico abitante della sua città a non essere candidato? Tutti mi avevano promesso un posto in lista, ma poi arrivava sempre il niet finale giusto  prima della firma. Per me hanno anche fatto due tavoli “regionali” e uno “locale”,  ma non si sono messi d’accordo ed è andata a finire come è andata a finire…”.

Ci spieghi meglio…

“Il fatto è che dovevo essere candidato di una lista che poi mi ha ritirato per mandare un segnale di disponibilità ad un movimento che non voleva rinunciare al suo prossimo assessore al tempo libero e allora il capo coalizione ha fatto un passo indietro e gli equilibri mi sono diventati sfavorevoli. Ho cercato di trovare ospitalità dall’altra parte, ma sul mio nome la coalizione si è spaccata, ognuno per conto suo ed io sono rimasto fuori”.

Mi scusi ma come, si candidano in  59999 e lei non ci riesce?

“Che devo dirle, non hanno trovato la giusta sintesi sul mio nome”.

Possibile che non l’abbia ospitata neanche una lista civica?

“Guardi che ci ho provato, ma alcuni mi dicevano che avevo un’immagine troppo politica e poco civica, altri che ero troppo civico e poco politico,  altri ancora mi chiedevano se avessi almeno una lunga esperienza di “hater” sui social e  che mi avrebbero tenuto presente per la loro terza lista, cosa non avvenuta”.

Perchè avrebbe voluto candidarsi? 

“Le ripeto,  sia sul mio posto di lavoro che nel mio condominio sono tutti candidati, girano tutto il giorno con i bigliettini elettorali in mano, mi sentivo solo”.

Ed ora cosa farà ?

“Non so, cercherò di lavorare per le prossime comunali, sperando che nel frattempo si liberi qualche posto…  magari metto su una lista anche io, così entro di sicuro”.

Voterà il 10 giugno?

“Certo che voterò, sono sommerso dai “bigliettini”, se non mi vedono andare al seggio quelli mi murano vivo”.

Ma ce lo dice alla fine come si chiama? 

“Mi chiami Gigilbello grazie alla prossima”

Grazie a lei Gigilbello.

 

(pa.bo.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close