Home Cronaca E se portassimo la nazionale di calcio femminile in tv per i mondiali del 2019? La proposta di Emanuela Dei
E se portassimo la nazionale di calcio femminile in tv per i  mondiali del 2019? La proposta di Emanuela Dei

E se portassimo la nazionale di calcio femminile in tv per i mondiali del 2019? La proposta di Emanuela Dei

0
0

Mentre la Nazionale Italiana maschile perde la qualificazione ai mondiali, ce ne è un’altra, quella femminile, che ancora deve incontrare Portogallo e Belgio per il posto ai mondiali del 2019.

L’Italia, da pochi giorni, si è accorta che il sistema calcio non funziona. Non ci sono più vivai, né tanto meno investimenti sulle giovani leve. La disfatta con la Svezia ha dimostrato una grave abitudine, che è ormai è la vera minaccia per nostra nazione: abbiamo una classe dirigente, ben posizionata sulla propria poltrona che, non solo non pensa di mollare la propria carica, ma limita il progredire e la formazione dei talenti.

Non si investe più nella ricerca, nel futuro, non si osa più. Dal mondo del cinema a quello del lavoro, la parola d’ordine è riciclare, spremere e poi gettare via. Non si investe sulla formazione, tanto di giovani ce ne sono talmente e tanti, e pronti a tutto, che meglio sedarli con contratti usa e getta, avendo la faccia tosta di chiamarli “indeterminati” quando indeterminati non sono.

Tra fuga di cervelli e mala applicazione delle poche risorse messe a disposizione, i giovani d’oggi non vedono nessun futuro davanti a loro. Che questa sia una tecnica, che a quanto pare riesce benissimo, messa in pratica da una classe che non vuole un avvicendamento o una divisone del potere? Meglio convincere i giovani che all’estero si stia meglio, piuttosto che cambiare, in modo da permettere un riscatto sociale?

Queste domande affastellano la mente di molti, ora che è stato toccato lo sport più in voga nella nostra nazione. Cosa faranno gli italiani quest’estate senza i mondiali? Una soluzione potrebbe arrivare dal mondo del calcio femminile.

Stiamo parlando della Nazionale azzurra femminile di calcio italiana, allenata da Milena Bertolini. L’appuntamento più gettonato è la qualificazione per i mondiali di Francia del 2019, che le ragazze mancano dal 1991. Le azzurre hanno superato Romania e Moldavia e ora dovranno battere Portogallo e Belgio. La formula della qualificazione permette di andare in Francia solo alle prime squadre qualificate, le migliori 4 seconde potranno solo giocare uno spareggio allargato per avere l’ultimo posto disponibile.

Il 24 novembre 2017 sarebbe bello vederle disputare la partita sulle reti nazionali. Parte, così, la campagna di Assist ( Associazione Nazionale Atlete) per portare anche il calcio femminile in televisione e, non solo. Come dichiara l’allenatrice Bertolini, questa sarebbe un’arma in più: “per ragionare sul ruolo della donna nella società”. La lunga battaglia intrapresa dalle atlete punta ad assicurare remunerazioni alle donne in maniera identica a quelle dei loro colleghi maschi. Inoltre, si lavora per riconoscere il professionismo dove si parla ancora di dilettantismo e, soprattutto, si punta a nominare donne, nei ruoli dirigenziali italiani, che possano cambiare usi e costumi, ormai desueti.

Emanuela Dei

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close