E nel silenzio dell’amministrazione Michelini si levò la voce della Perà: ritratto di un assessore che ha il coraggio delle proprie azioni

All’interno di una amministrazione Michelini eternamente sonnolenta, dove tutto scorre come un lungo fiume esasperatamente tranquillo e ogni cosa avviene in sordina, la voce dell’assessore Perà che una volta tanto si è levata in occasione della chiusura del Teatro Caffeina in maniera chiara e stentorea non è passata inosservata: una rappresentante delle istituzioni che dice: “Non ci sono le autorizzazioni, è grave abbiano aperto lo stesso” è davvero come una mosca bianca. E’ stato un momento che, dopo anni in cui a Rossi &C da Palazzo dei Priori è stato consentito di fare e subito realizzare ogni cosa passasse loro per la testa, finalmente i cittadini hanno sentito il Comune presente: episodio raro, visto che purtroppo l’amministrazione Michelini è sembrata essere tra le più lontane dalla cittadinanza e più vicine a precisi interessi di bottega, figlia di alleanze e di patti contronatura. Ed in questo contesto piuttosto avvilente ci si è trovati di fronte all’improvviso ad una persona che ha il coraggio delle proprie azioni, che non parla sottovoce o per metafore, ma che dice esattamente e decisamente le cose come stanno. Un segnale interessante, se solo la Perà ci credesse e lasciasse spazio al suo temperamento potrebbero aprirsi per lei nuovi scenari di inaspettata leadership.

(pasquale bottone)

About the author:

. Follow him on Twitter / Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *