Home Cronaca Disoccupazione e dintorni: uomo resta senza lavoro, la moglie si convince a prostituirsi, ma il business finisce in Procura
Disoccupazione e dintorni: uomo resta senza lavoro, la moglie si convince a prostituirsi, ma il business finisce in Procura

Disoccupazione e dintorni: uomo resta senza lavoro, la moglie si convince a prostituirsi, ma il business finisce in Procura

0
0

Sono tempi difficili per Viterbo con una disoccupazione record destinata anche ad aumentare di questo passo, ce ne siano occupati spesso: e chi è senza lavoro può anche succedere che perda la testa e commetta reati: come è successo ad un viterbese  (lo scrive viterbonews) che, rimasto senza impiego, probabilmente avendo una moglie asiatica ancora giovane e attraente, ha spinto la consorte a prostituirsi per mantenere la famiglia. A quel punto la donna, oggi parte offesa del processo, avrebbe accettato e cominciato a ricevere clienti in un appartamento in zona tribunale, pare con l’aiuto dello stesso marito, mettendo su un giro d’affari di migliaia di euro: ma il movimento di persone intorno all’appartamento creato dalla improvvisata quanto fruttuosa “antichissima attività professionale”ad un certo punto veniva interrotto dalle forze delle ordine: ed  ora all’uomo viene contestato dalla Procura il reato di sfruttamento della prostituzione, rischia una pena fino a 6 anni di carcere. Maledetta disoccupazione, e quando arriva addirittura a fare rima con prostituzione.

(r.l.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close