Home Cronaca Delitto di Santa Lucia: la città ancora sotto choc per un probabile omicidio che forse avrebbe potuto essere evitato: le ipotesi di cittapaese.it
Delitto di Santa Lucia: la città ancora sotto choc per un probabile omicidio che forse avrebbe potuto essere evitato: le ipotesi di cittapaese.it

Delitto di Santa Lucia: la città ancora sotto choc per un probabile omicidio che forse avrebbe potuto essere evitato: le ipotesi di cittapaese.it

0
0

Non si può negare che il delitto di Santa Lucia non sia stato vissuto dalla città come un qualunque episodio di cronaca nera: Viterbo è rimasta choccata dal sanguinoso caso Fieno come se non avesse mai creduto di poter ospitare una scena del crimine tanto discussa e straziante. A più di  una settimana dal tragico evento nel capoluogo se ne discute ancora tanto, come se lo choc non fosse ancora passato. Ed anche a leggere i giornali cittadini questo sembra un Natale dominato dal “noir”: sono tante le domande a cui la Procura di Viterbo dovrà rispondere, a prescindere dal chiarire chi sia stato l’autore del delitto che potrebbe essere, almeno l’evidenza  non sembra al momento consentire altre ipotesi, il figlio stesso dei coniugi ritrovati morti nella loro casa la sera del 13 dicembre, Ermanno Fieno. Un delitto che le prime  indiscrezioni circolate sull”esame autoptico fanno intendere sia stato singolo, essendo il marito della signora Rosa, Gianfranco Fieno, morto per cause naturali: l’Ermanno Fieno avrebbe ucciso la madre dopo il venire a mancare del padre e poi avrebbe continuato a vivere sotto lo stesso tetto con entrambi i corpi  per più di 10 giorni fino all’arrivo dei soccorsi. Una ricostruzione che, fosse confermata, farebbe sorgere non pochi dubbi sullo stato psichico del principale sospettato che avrebbe dovuto gestire una lunga situazione horror da solo: avrebbe perso molto tempo ad eliminare i cattivi odori dalla casa, a cancellare le tracce di sangue sulle pareti in attesa di chissà quale decisione da prendere. Un quadro allucinante che porterebbe a richiedere per il Fieno una perizia psichiatrica rivelatrice: un quadro di possibili patologie che va ad inserirsi in un contesto più generale di disagio, sociale, difficoltà di dialogo con i familiari, solitudine ed emarginazione. E che potrebbe portare a definire l’omicidio Fieno un delitto evitabile se si fosse intervenuti in tempo, se probabilmente un esperto si fosse occupato delle condizioni di salute mentale di Ermanno Fieno e della sua instabilità,  sospettando che sarebbe potuta diventare pericolosa per chi lo circondava. Fieno invece è stato solo allontanato ben prima del 13 dicembre da fratello, sorella, familiari  e amici per la sua inaffidabilità, non aiutato a prendere coscienza del suo stato e della necessità di cure mediche, a quanto pare proprio no.

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close