Home Politica Centrodestra e centrosinistra in profonda crisi di consensi: recitano a soggetto, ma gli spalti sono vuoti
Centrodestra e centrosinistra in profonda crisi di consensi: recitano a soggetto, ma gli spalti sono vuoti

Centrodestra e centrosinistra in profonda crisi di consensi: recitano a soggetto, ma gli spalti sono vuoti

0
0

Si leggono su alcuni giornali tante cose in questi giorni che se chi scrive facesse un giro approfondito per la città non scriverebbe neanche: specie per quel che riguarda centrodestra e centrosinistra la situazione non è affatto rosea. E’ diminuito fortemente il consenso cittadino per entrambe le coalizioni, infatti, e questo non significa che si siano azzerate le possibilità di vittoria alle comunali per entrambe, ma solo che il gioco si fa più duro e difficile. Fioroni, ad esempio, guadagna sempre più potere col tempo nel pd, ma non ha al momento tesorizzato la cosa: anzi, il dominio assoluto che ha del partito sembra stia allontanando sempre più gente dallo stesso e la guerra interna tra lui e Panunzi continua imperterrita e certo non giova a nessuno. Nel centrodestra Santucci punta a fare il sindaco e Rossi, Rotelli e Arena sono anche pronti ad appoggiarlo, ma che abbia un vasto seguito popolare è tutto da verificare, nonostante gli eventi ecumenici trasversali che organizza d’appoggio; Rossi non è scritto da nessuna parte che ottenga i voti di 4 anni fa e non sono pochi quelli che ammettono di aver preso definitivamente le distanze dal suo movimento, mentre Rotelli non ha ancora deciso cosa fare di preciso e Arena si trova in un partito sempre più spaccato. Dove è il consenso? Basta parlare con un negoziante qualsiasi del centro o della periferia o anche con un eroico cittadino che ancora passeggia in quelle zone, la risposta che si ha è sempre la stessa, “non voto più se non vedo qualcosa di veramente nuovo” ed è perentoria e condita da altre vivaci espressioni su cui preferiamo lasciare un sottile velo di mistero. A sostenere i due “poli” (come venivano definiti un tempo) solo gli sparuti iscritti ai partiti, i miracolati, i lottizzati, e compagnia cantando. Comunali 2018 quindi incerte come non mai, e non è detto che i pur super-conservatori viterbesi al momento del voto non possano riservare significative sorprese (e molte “rappresentazioni” potrebbero rimanere senza pubblico, con gli spalti vuoti).

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close