Home Cronaca Caso Migranti-Diciotti, il Presidente Fico:”Fate sbarcare i migranti”
Caso Migranti-Diciotti, il Presidente Fico:”Fate sbarcare i migranti”

Caso Migranti-Diciotti, il Presidente Fico:”Fate sbarcare i migranti”

0
0

I 177 migranti a bordo della Diciotti “devono poter sbarcare”. Lo scrive su Twitter il presidente della Camera Roberto Fico, precisando che “la giusta contrattazione con i Paesi dell’Unione europea può continuare senza alcun problema”. Però i profughi che si trovano sulla nave, tra i quali “ci sono anche alcuni minori non accompagnati, non possono essere più trattenuti a bordo. Poi si procederà alla loro ricollocazione nella Ue”.

Le Procure di Agrigento e Catania: “Fate sbarcare i minori” – La Procura per i minorenni di Catania ha inviato una lettera ai ministri dell’Interno e delle Infrastrutture, al capo dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione e al Prefetto, con la quale quale chiede che i 29 ” minorenni non accompagnati siano fatti sbarcare” dalla nave. “La situazione a bordo e’ critica. Ci sono diversi casi di scabbia. E comunque, in base alle convenzioni internazionali e alla legge italiana, i 29 minori non accompagnati hanno il diritto di sbarcare”, aggiunge il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio che ha da poco completato un’ispezione sulla nave Diciotti nell’ambito dell’indagine aperta dal suo ufficio sul trattenimento a bordo dei 177 profughi soccorsi.

Ue: “Sbarco migranti imperativo umanitario” – Da parte sua Tove Ernst, portavoce del Commissario europeo alla Migrazione, ha fatto sapere che “siamo stati contattati dall’Italia domenica, e da allora siamo entrati in contatto con gli Stati membri per trovare una soluzione rapida. I contatti sono ancora in corso. Continuiamo a lavorare, in modo tale che le persone a bordo possano essere sbarcate il prima possibile. Per noi è un imperativo umanitario”.

Il premier Conte ribatte: Europa, assente, batta un colpo – “Ma l’Europa vuole battere un colpo?”. E’ l’appello del premier Giuseppe Conte che in un post avverte: “Ancora una volta l’Italia sta mostrando il suo volto umanitario, ma il prezzo non puo’ essere rimanere abbandonata a se’ stessa”. “Le Istituzioni europee, che pure su mia sollecitazione avevano accolto l’idea di una cabina di regia, cosa aspettano a intervenire per operare la redistribuzione dei migranti che sono a bordo della nave italiana Diciotti, ancorata nel porto di Catania?”, aggiunge.

Garante detenuti: migranti Diciotti privati della libertà – I 177 migranti a bordo della nave Diciotti sono “da quasi una settimana privati di fatto della liberta’ senza alcuna base legale e tutela giudiziaria”. Lo dice il Garante nazionale dei detenuti, che domani visitera’ con una sua delegazione l’imbarcazione della Guardia Costiera ormeggiata a Catania. La visita è stata stabilita dal presidente Mauro Palma, si legge in una nota, “in forza dei poteri conferiti all`Autorita’ di garanzia in quanto Meccanismo di prevenzione nazionale ai sensi del Protocollo opzionale alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti (OPCAT): accesso a tutti i luoghi di privazione della libertà siano essi de iure o de facto, accesso a colloqui riservati con tutte le persone private della liberta’ e a tutta la documentazione”.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *