Home Cronaca Caso Larus, “Ma nessuno controlla che i lavoratori della piscina comunale vengano regolarizzati?”: la denuncia a mezzo stampa di Daniela Bizzarri nel 2009
Caso Larus, “Ma nessuno controlla che i lavoratori della piscina comunale vengano regolarizzati?”: la denuncia a mezzo stampa di Daniela Bizzarri nel 2009

Caso Larus, “Ma nessuno controlla che i lavoratori della piscina comunale vengano regolarizzati?”: la denuncia a mezzo stampa di Daniela Bizzarri nel 2009

0
0

Pubblichiamo integralmente la denuncia inviata alla stampa (e pubblicata dagli organi d’informazione cittadini) il 6 ottobre 2009  dall’allora Consigliera di Parità della Provincia Daniela BIzzarri riguardo a presunti contributi non corrisposti ai dipendenti delle società Ati Maco e  Ads Larus Nuoto che avevano vinto la gara d’appalto per la gestione della piscina comunale. Come leggerete nel finale  dell’intervento la BIzzarri si rivolge al Comune di Viterbo chiedendo chiarimenti. Ovviamente lo mettiamo a disposizione dei lettori unicamente per offrire una testimonianza istituzionale di come anche in quegli anni la situazione dei lavoratori della piscina potesse sembrare  alquanto precaria,  senza volerla assolutamente collegare a quella esistente oggi, 9 anni dopo.  

 

E’ brutto, nel mio lavoro apprendere notizie e cominciare a lavorare partendo da una lettera anonima, ma è anche doloroso capire che fare giungere notizie in questo modo, è per la paura, in un periodo di grave crisi, di perdere il lavoro.

Questo parte dal lontano giugno 2006, quando il Comune di Viterbo, dopo una gara di appalto per la piscina comunale, dette la concessione in gestione all’A.T.I Maco Società Sportiva dilettantistica s.r.l. e Ads Larus Nuoto, nelle persone di D’Ambrosio Cosimo (i dati che riporto sono stati recepiti dall’atto notarile Rep. N. 24470/119 tra il Comune di Viterbo rappresentato dal Rosario Terranova, Giancarlo Maria Manetti dirigente del settore statistiche, Attività Produttive, Attività Culturali, Sport e tempo libero, Sviluppo ed interventi economici, e le citate società).

A parte le sfumature dell’inizio e del termini dei lavori, ampliamente sforati, con deroghe su deroghe, ciò che più mi interessa è l’Art. 10 del contratto dove alla voce Oneri relativi al personale recita: il Concessionario si assume ogni responsabilità in relazione a tutti gli adempimenti di legge in materia di retribuzione, di obblighi assicurativi, assistenziali, previdenziali ed antinfortunistici per tutto il personale dipendente…

Il Concessionario dovrà comunicare l’elenco nominativo del personale che sarà impiegato nel servizio e le eventuali variazioni che si verificassero , con l’indicazione delle mansioni espletate e del tipo di rapporto contrattuale, dando assicurazione della regolarità dei singoli rapporti di lavoro e dei versamenti assicurativi e previdenziali (Inps, Inail) mediante presentazione annuale di una certificazione liberatorio rilasciato dagli istituti previdenziali e assicurativi.
Questo preciso articolo, ritengo che presupponeva anche una serie di controlli da parte del Comune di Viterbo, qualora i citati rapporti non fossero stati presentati alle relative scadenze.

Ad oggi, dopo una lunga e scrupolosa ricerca emergono i fatti reali: da novembre 2006 i dipendenti attuali e quelli che si sono alternati, non sono mai stati regolarizzati, nè con versamenti assicurativi ne con i versamenti previdenziali, sono in pratica lavoratori in nero, e pur facendone richiesta, mi è dato da sapere, che vengono zittiti con lo spettro del licenziamento.

Allora, prima di aprire un’azione legale, sempre che i dipendenti se la sentano poi di rimanere senza lavoro, vorrei rivolgere qualche domanda al Sindaco di Viterbo o agli assessori preposti:

Come mai questi controlli non sono mai stati effettuati?

Come mai, in assenza delle dichiarazioni previste, il Comune non è mai intervenuto?

Come mai nessun assessore con delega, o funzionario del Comune si è preso la briga di controllare lo stato dell’arte?

Perché questi lavoratori sono stati abbandonati?

Chi si assume queste responsabilità?

Chi risarcirà i lavoratori di quanto hanno perduto?

Chi assicurerà loro che non verranno licenziati, magari il giorno dopo essere stati regolarizzati?

Ora aspetto le risposte, ma risposte serie, concrete e soddisfacenti, dopo di che voglio lanciare un messaggio a quei lavoratori e quelle lavoratrici: non lasciatevi intimorire, molte volte la giustizia trionfa e io cercherò di esservi vicina e di supporto.

Daniela Bizzarri
Consigliera di parità della Provincia di Viterbo

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close