Home Cronaca Caso Larus: “La piscina comunale torni alla gestione diretta di Palazzo dei Priori, è di tutti”, gli interrogativi sulla crisi della società di Lavoro e Beni Comuni
Caso Larus: “La piscina comunale torni alla gestione diretta di Palazzo dei Priori, è di tutti”, gli interrogativi sulla crisi della società di Lavoro e Beni Comuni

Caso Larus: “La piscina comunale torni alla gestione diretta di Palazzo dei Priori, è di tutti”, gli interrogativi sulla crisi della società di Lavoro e Beni Comuni

0
0

Non è un mistero, che di questi tempi a Viterbo si navighi in cattive acque. Risulterebbero misteriosi licenziamenti di dipendenti soppiantati da cooperative,  lavoratori (istruttori e personale) senza stipendio per mesi e strutture in parte lasciate all’incuria. Questa appare la situazione della Piscina Comunale, struttura di proprietà PUBBLICA ma gestita dalla Larus, società privata romana. Eppure il Comune di Viterbo ha rinnovato non molto tempo fa il contratto di concessione a quell’azienda. Cos’è potuto succedere da allora ad oggi? Se la struttura era già in crisi, perché il contratto non è stato bloccato? E se non era in crisi, come si è arrivati al punto in cui siamo oggi? Strano: perché la piscina è la struttura più importante della provincia, con sale pesi, vasca olimpionica e incassi incoraggianti. Ancora più strano: perché fra i dipendenti della società spicca il nome di un consigliere comunale viterbese di Fratelli d’Italia, Gianluca Grancini, che , da quanto si apprende, rivestirebbe il ruolo di “direttore e responsabile” locale. In questi giorni si legge poi che lo stesso, a sua volta rimasto senza stipendio, abbia dato le dimissioni dalla Larus per protesta e lanciato diffide a chi ha osato interrogarsi sul perché di quel gesto. Una strana forma di rivendicazione salariale. E gli altri dipendenti? E i loro stipendi? E il servizio pubblico della piscina comunale?

Sia chiaro, qui non chiediamo trasparenza contabile sulla rendicontazione dell’azienda romana, ma esigiamo un po’ di chiarezza politica sulla piscina comunale viterbese, che è un BENE COMUNE e PUBBLICO. Capita infatti che ci si trovi alla vigilia delle elezioni, e puntualmente tutti gli attori di questa vicenda si dicono pronti di nuovo a scendere in campo. E quindi non solo Fratelli d’Italia, ma anche i politici delle giunte passata e presente, di centrodestra e di centrosinistra.

Peccato che siano tutti coinvolti nel medesimo copione: quello che ha visto un Comune appaltare la gestione dei servizi pubblici ad aziende private su cui non si esercita più alcun controllo. Vale in fondo per la piscina Larus la medesima logica di “Viterbo Ambiente” e in parte di “Talete” (che certo è una partecipata, ma è gestita in modo privatistico). La piscina comunale per noi dovrebbe essere un po’ come la raccolta dei rifiuti o l’acqua pubblica: dove la posta in gioco è la garanzia dei diritti dei cittadini (diritto allo sport, all’acqua o all’ambiente salubre), non può esservi spazio per la logica dei profitti, giacché le due cose sono incompatibili. E invece in preda a convulse pulsioni neo-liberiste si è compiuta la scelta miope di esternalizzare e appaltare i servizi pubblici , senza essere in grado di prevedere gli eventuali contraccolpi di una tale dismissione:  aumento dei costi per i cittadini, criteri di assunzione e gestione del personale non trasparenti, erogazione di servizi scadente… Cosa hanno da dire i protagonisti di questo fallimento? Come la pensano coloro che l’hanno assecondato? E coloro che non l’hanno ostacolato? Come LISTA LAVORO E BENI COMUNI riteniamo che si debba fare chiarezza sulla condizione dei dipendenti della struttura della piscina comunale, e che anche lì si debba tornare a una gestione diretta del Comune, unico presupposto per un controllo vigile e partecipato, con graduatorie pubbliche e trasparenti, e contratti che rispettino i diritti dei lavoratori (nonché degli utenti).

LAVORO E BENI COMUNI

 

 

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close